E ridendo l'uccise di Florestano Vancini - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 17/2005

E ridendo l'uccise


Regia di Florestano Vancini

Ferrara, corte degli Estensi, primo '500: il duca Ercole I è morto lasciando i suoi vivaci figlioli a spartirsi il potere. Il giovane cardinale Ippolito, alleato del nuovo duca Alfonso, fa sfregiare il fratello Giulio per una banale questione di donzelle; Giulio e l'altro fratello Ferrante tramano per uccidere Alfonso e Ippolito. È la famosa "Congiura di Giulio d'Este" raccontata da Riccardo Bacchelli in un libro fondamentale, e vista in E ridendo l'uccise attraverso gli occhi del buffone di corte Moschino, coinvolto suo malgrado. Ne esce un affresco fosco e potente: gli splendori del Rinascimento ci sono tutti (un personaggio importante è il sommo Ludovico Ariosto, funzionario al servizio di Ippolito, al quale dedicò l'Orlando Furioso), ma in parallelo vengono mostrate le atrocità, le vessazioni, la miseria in cui versavano i popolani. Si può rimproverare a E ridendo l'uccise di essere un film un po' "all'antica" ma sicuramente Florestano Vancini (La lunga notte del '43, La banda Casaroli, Bronte, Il delitto Matteotti) lo voleva così, per aggiungere un tassello importante al lavoro di scavo nella storia sempre presente nei suoi film. Sconosciuti, e bravi, gli attori: tra i quali spicca il giullare Manlio Dovì.

E ridendo l'uccise (2005)
Titolo originale: -
Regia: Florestano Vancini
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 100'
Cast: Manlio Dovì, Sabrina Colle, Ruben Rigillo, Marianna De Micheli, Fausto Russo Alesi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy