Le ricamatrici di Éléonore Faucher - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 22/2005

Le ricamatrici


Regia di Éléonore Faucher

Il cinema francese ha due paesaggi principali in cui incorporare le proprie storie: la provincia profonda e Parigi. Naturalmente, oltre a questi due sfondi ce ne sono altri, ma meno di quanto si possa credere. L'orizzonte impone, scandisce, seziona il ritmo, la qualità, la porosità degli eventi e di quello che può accadere/non accadere ai personaggi. La prevedibilità è a portata di set e di macchina da presa, quando non scatta un'intuizione, un'ossessione, una grammatica non ordinaria della fantasia. La lentezza, lo sguardo da falso documentario, la trama spiegazzata, un'interpretazione da attrici prese nella banlieu o nel bistrò, messe davanti a recitazioni più stilizzate generano facilmente più fastidio che stile. L'irruente e combattuta diciassettenne Claire (Neymark) si allontana da casa, lavora come cassiera in un supermercato, rimane incinta, si finge malata e trova, alla fine, quiete, conforto, amicizia e calore umano intorno al tavolo di fantasiosi e fastosi ricami in casa della signora Melikian (Ascaride) che ha perduto da poco un figlio. Il film titilla metafore e malesseri universali e abbraccia la noia.

Le ricamatrici (2004)
Titolo originale: Brodeuses
Regia: Éléonore Faucher
Genere: Drammatico - Produzione: Francia - Durata: 89'
Cast: Lola Naymark, Ariane Ascaride, Jackie Berroyer, Thomas Laroppe, Marie Félix

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy