Il silenzio tra due pensieri di Babak Payami - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 25/2005

Il silenzio tra due pensieri


Regia di Babak Payami

Babak Payami, dopo Il voto è segreto, continua il lavoro critico di indagine sulla società iraniana. Quel suo film era una specie di commedia paradossale sull'improbabile sviluppo della democrazia e dell'emancipazione femminile in una teocrazia. Questo Silenzio tra due pensieri, bloccato dai censori e portato a termine con difficoltà, torna sul tema della condizione della donna quasi in forma di apologo, in una situazione dominata da una religiosità cupa. Una giovane donna è condannata a morte insieme a due uomini. Non si sa il motivo. I due vengono ammazzati. Lei no perché il capo spirituale del villaggio sostiene, testi sacri alla mano, che una vergine, una volta morta, pur se peccatrice, va in paradiso. Che fare? Viene deciso di darla in sposa al boia: l'esecuzione verrà eseguita dopo le nozze e lei, non più vergine, finirà giustamente all'inferno. La mannaia del fondamentalismo tra montagne, deserti e silenzi. La sorellina del boia va a trovare la condannata in prigione e le chiede se è vero che ha peccato. Risposta: «Le ragazze non fanno peccati. Nessuno pecca, non esistono i peccati». Sventurato il paese in cui sono i peccati a condannare a morte le donne (e gli uomini).

Il silenzio tra due pensieri (2003)
Titolo originale: Sokoote beine do fekr
Regia: Babak Payami
Genere: Drammatico - Produzione: Iran - Durata: 95'
Cast: Maryam Moqadam, Kamalan Narouli, Moazen

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy