I sentimenti di Noémie Lvovsky - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 12/2004

I sentimenti


Regia di Noémie Lvovsky

Canti gregoriani, canti pseudo-alpini: comunque, cori. Incorniciano la vicenda di I sentimenti, passato in Concorso a Venezia 2003. I testi sono scritti dalla regista Noémie Lvovsky e dalla sceneggiatrice Florence Seyvos. Si inizia con un "corale" che inneggia al matrimonio e si finisce «J'ai été le roi du monde, je ne me souviens plus de rien», sono stato il re del mondo e non ricordo più nulla. In mezzo, fra una canzone e l'altra, c'è un quadrangolo. Jean-Pierre Bacri è medico condotto in un paesino della campagna francese, vive in una villa con la moglie Nathalie Baye e due figli adolescenti; un giorno il giovane dottore Melvil Poupaud, che dovrà prendere il suo posto, viene ad abitare accanto a loro con la mogliettina Isabelle Carré. Le due coppie fanno amicizia, soprattutto le donne. Ma succede il patatrac: il dottore più anziano seduce la consorte del collega. Nathalie Baye scopre tutto, per caso, e inizia il putiferio... Riflessione sull'amore, forse più seria e dolente di quanto non appaia a prima vista. Il tono è da commedia ma il sorriso nasconde più di una lacrima. Quartetto d'attori d'alto livello, anche se è ovvio che i due "maturi" fuoriclasse (Baye e Bacri) eclissino i giovani.

I sentimenti (2003)
Titolo originale: Les sentiments
Regia: Noémie Lvovsky
Genere: Sentimentale - Produzione: Francia - Durata: 94'
Cast: Jean-Pierre Bacri, Nathalie Baye, Melvil Poupaud, Isabelle Carré, Valeria Bruni Tedeschi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Les sentiments» Cinerama (n° 36/2003)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy