L'amore ritrovato di Carlo Mazzacurati - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 39/2004

L'amore ritrovato


Regia di Carlo Mazzacurati

Ispirato a Una relazione (1969) di Carlo Cassola, il film riprende dal romanzo il tono di pacata osservazione del versante dimesso dell'esistenza. Anche Mazzacurati va in cerca del "bisbigliare quotidiano", di quella lieve traccia che lasciano le persone, anche le più semplici, quando siano sottilmente segnate da un intimo e rassegnato tormento. Litorale toscano, 1936. Giovanni fa una vita regolare e opaca, lavoro in banca, moglie, bambino. Ogni giorno, prende il treno, avanti e indietro. Quando incontra Maria, che era già stata sua in gioventù, vuole averla ancora, e ancora. Lui fa l'amore come rubandolo. Lei subisce e spera. Dopo la guerra, le cose cambiano per tutti. Mazzacurati dice che si è lasciato guidare da «un desiderio di autenticità». Però, sullo schermo, più che non l'autenticità si sente la ricostruzione (anche nella fotografia di Luca Bigazzi), più che il bisbigliare quotidiano si ascolta un parlare spento, più che una relazione che poteva essere un amore si segue un rapporto inconsistente. Stefano Accorsi e Maya Sansa non sembrano convinti e convincenti né come amanti selvaggi (sopra una scomoda catasta di legna!), né come esponenti di un'umile umanità appartata.

L'amore ritrovato (2004)
Titolo originale: -
Regia: Carlo Mazzacurati
Genere: Drammatico - Produzione: Italia/Francia - Durata: 108'
Cast: Stefano Accorsi, Maya Sansa, Marco Messeri, Luisanna Pandolfi, Vania Rotondi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy