La terra dell'abbondanza di Wim Wenders - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 38/2004

La terra dell'abbondanza


Regia di Wim Wenders

Buona notizia. Il Wenders di La terra dell'abbondanza non è quello dei suoi lontani tempi migliori, ma non è neppure quello noioso degli ultimi tempi, guru e predicatore. È un Wenders inaspettato, con una visione particolare e personale dell'America: che non è la biblica terra della pienezza dove scorrono latte e miele. Il titolo del film è figura retorica di inversione e antitesi. Nell'America di Downtown Los Angeles, con i poveracci senza casa che dormono sotto i cartoni sui marciapiedi, si incontrano l'invasato e paranoico Paul e l'idealista e umanitaria Lena. Il film sta in questo triangolo: una città abitata dagli ultimi degli umiliati, un veterano del Vietnam che continua a condurre la sua guerra contro nemici che stanno dappertutto e complottano contro la libertà del suo paese, una giovane donna che ha vissuto in Africa e in Medio Oriente e che adesso, tornata in patria, vuole dedicarsi ai dannati della sua terra. I due sono zio e nipote, non si conoscono, cominciano a sfiorarsi, si trovano insieme a scoprire cosa c'è dietro l'omicidio di un povero pakistano. E dietro non c'è il complotto mondiale che Paul sospetta. C'è soltanto il naufragio casuale di una vita oscura e sfortunata come tante. Wenders si ritrae, lavora su personaggi e luoghi, stringe il quadro, fa dell'America del dopo 11 settembre il paese dell'angosciante attesa di una nuova catastrofe, terra di povertà, di isolamento paranoico e di slanci ideali. Di città spettrali con una Missione come ancoraggio provvisorio e di un deserto con un'altrettanto fantomatica cittadina, quattro baracche, dove le storie finiscono per dissolversi, dove Paul e Lena cominciano a ritrovarsi prima di partire in pellegrinaggio verso Ground Zero. Dice Paul che quel buco nero nel cuore dell'America se lo immaginava più grande. Lena gli chiede di ascoltare il silenzio. E Leonard Cohen canta la title song. Niente prediche. Ripartire dal poco. Affezionarsi a un'immagine vibrante, come quella di un colibrì magicamente sospeso nell'aria.

La terra dell'abbondanza (2004)
Titolo originale: Land of Plenty
Regia: Wim Wenders
Genere: Drammatico - Produzione: USA - Durata: 114'
Cast: Michelle Williams, John Diehl, Richard Edson, Bernard White, Burt Young

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy