Ovunque sei di Michele Placido - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 44/2004

Ovunque sei


Regia di Michele Placido

Fino a quando Matteo, medico (Accorsi), ed Elena, tirocinante (Violante Placido), sono vivi, cioè per 15 minuti, il film sembra un esempio di cinema italiano medio da pubblico con racconti intrecciati di vite annaspanti e spicci tradimenti paralleli a sfondo ospedaliero. Quando l'ambulanza finisce a tuffo nel Tevere, tutto cambia: il film annega nel limbo delle buone intenzioni, approda quasi subito all'Ade della comicità involontaria e ne esce di filato per assurgere all'Olimpo degli Scult Movies. Matteo, mesta anima persa, continua ad aggirarsi tra i vivi (era Caproni a dire che «la morte non finisce mai»), sorveglia la moglie Emma, chirurgo, e il di lei amante Leonardo, primario, poi decide di andarsene sul serio nell'aldilà con la sua Elena. Lirismi mancati, enigmi sull'identità, sensi di colpa pre- e post-mortem, situazioni da serial, metafisica alla romana, intellettualismi a iosa, da Pirandello a Kieslowski, a Caproni (di cui si legge il Congedo del viaggiatore cerimonioso, una delle più belle poesie del nostro Novecento). Michele Placido osa (troppo) e cade (precipitevolissimevolmente). Accorrerà il pubblico al nudo finale-frontale-integrale di Accorsi? Accorrerà, accorrerà...

Ovunque sei (2004)
Titolo originale: -
Regia: Michele Placido
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 85'
Cast: Stefano Accorsi, Violante Placido, Barbora Bobulova, Stefano Dionisi, Giuditta Saltarini

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Ovunque sei» Cineteca (n° 44/2010)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy