Piccoli ladri di Marziyeh Meshkini - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 39/2004

Piccoli ladri


Regia di Marziyeh Meshkini

Al cinema ne abbiamo viste tante, ma una così ci mancava. La premiata Makhmalbaf Film House (padre, due figlie, moglie) ha presentato in Concorso a Venezia 2004 il secondo film di Marziyeh Meshkini, moglie del noto Moshen, già premiata alla Settimana della Critica per il suo esordio Il giorno in cui sono diventata donna. Neorealismo nella Kabul post-talebana. Fratello e sorellina vivono raccogliendo legna e carta. Salvano un cagnolino da bambini fondamentalisti, dormono nella prigione dove è rinchiusa la madre, ritenuta puttana e colpevole perché si è risposata pensando che il marito, ex mullah talebano, fosse morto in guerra. Quando non li lasciano più entrare in carcere, si ispirano, per ritornarci, a Ladri di biciclette (proiettato in sala a Kabul!), rubano una bici, lui viene preso e lei corre dietro al camion come la Magnani in Roma città aperta. Film micidiale, con un'unica bella e vera sequenza, il combattimento dei cani. Film molto istruttivo per capire come non devono essere i film sulle disgrazie di oggi e di sempre. Si accettano scommesse su un sequel: in carcere proiettano Un condannato a morte è fuggito, il ragazzino scappa, diventa uno sciuscià e finisce come in Germania anno zero...

Piccoli ladri (2003)
Titolo originale: Sag - Haye Velgrad - Stray Dogs
Regia: Marziyeh Meshkini
Genere: Drammatico - Produzione: Iran/Francia - Durata: 93'
Cast: Gol Ghoti, Zahed, Twiggy, Agheleh Rezaie, Sohrab Akbari

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy