Vento di terra di Vincenzo Marra - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 39/2004

Vento di terra


Regia di Vincenzo Marra

Secondo film di Vincenzo Marra dopo il bel Tornando a casa, vincitore di molti premi a Venezia e in altri festival in giro per il mondo. Quell'opera di esordio era un film di mare, questo nuovo lavoro è un film di terra, di periferia degradata dove Enzo, diciott'anni, vive con una sorella, una madre che passa i giorni e le notti a cucire e un padre che muore nel letto, di crepacuore, senza un lamento, come sanno morire i poveri. E tutto precipita. Enzo, come dice Marra, non ha un paracadute, deve cavarsela da solo e si trova a scegliere se diventare ladro o soldato. Ci prova come ladro, finisce soldato nel Kosovo e le disgrazie famigliari continuano perché il vento che sconvolge la sua esistenza tira sempre forte e impietoso. Cinema neorealista, quasi cronachistico, cinema di spostamenti e pedinamenti alla ricerca della dignità e dentro la battaglia contro la sventura che ti schiaccia. Attori presi da quel groviglio di strade e palazzoni che soffocano Napoli. Si vede che Marra conosce bene questo universo abbandonato a un gramo destino: quel che un po' manca al film è uno scatto narrativo, qualche invenzione in una messinscena che non si abbandoni al solo seguire una via crucis infinita e scarna.

Vento di terra (2004)
Titolo originale: -
Regia: Vincenzo Marra
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Vincenzo Pacilli, Vincenzo Modica, Giovanni Ribera, Francesco Giuffrida, Edoardo Melone, Francesco Di Leva

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy