Volevo solo dormirle addosso di Eugenio Cappuccio - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 43/2004

Volevo solo dormirle addosso


Regia di Eugenio Cappuccio

Mondo del lavoro e del non lavoro. Lo scattante quasi manager Marco Pressi (bravo Giorgio Pasotti) fa il formatore dei venditori, a Milano, in una multinazionale francese il cui bugiardissimo motto è «People first». Il motto di Marco è altrettanto fasullo e deprimente: «Mai progetti, solo desideri e obiettivi». Scelgono lui per disboscare l'azienda. Glielo danno loro un bell'obiettivo: farà carriera se riesce a licenziare, entro fine anno, 25 persone (su 90). Da formatore a killer del personale. Marco-Terminator vive con Laura che lo chiama Muerto e gli riassume la questione: «Tu non hai mai tempo per me, vuoi solo trombare e dormirmi addosso».. Marco va avanti in automatico, ripete a tutti: «Ti stimo molto» e si licenzia dai sentimenti. Vive (vive?) una progressiva atrofia, diventa un precario dell'esistenza, tra convulsi orgasmi casalinghi e sgradevoli colloqui aziendali alla caccia delle 25 vittime. Più manierista che cinico, il film sembra incerto tra i toni della commedia amara e quelli della denuncia sociale. Entra nel numero dei non molti film sul mondo del lavoro, ma rispetto al Cantet di Risorse umane e alla Francesca Comencini di Mi piace lavorare - Mobbing resta qualche gradino sotto.

Volevo solo dormirle addosso (2004)
Titolo originale: -
Regia: Eugenio Cappuccio
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 96'
Cast: Giorgio Pasotti, Cristiana Capotondi, Eleonora Mazzoni, Carlo Freccero

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy