Paris, Dabar di Paolo Angelini - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 20/2003

Paris, Dabar


Regia di Paolo Angelini

Paolo Angelini e i suoi complici - attori e tecnici - debbono essersi divertiti come pazzi a realizzare Paris, Dabar. Che infatti è il classico film assai più bello a raccontarsi che a vedersi, per cui fate una robusta tara a ciò che state per leggere. Come si evince dal gioco di parole con la Parigi-Dakar, il film è una gara alcolica: una maratona di dieci concorrenti nei bar di via del Pratello, zona "off" (o sedicente tale) della vecchia Bologna, facendo a gara a chi si sfonda di più. Protagonisti tutti gli alcolici possibili e immaginabili, dalla birra in su, e le chiacchiere che un simile consumo di alcool porta con sé. Il tutto pianificato per bene e poi girato in tempo reale, con dieci videocamere che pedinavano (zavattinianamente) altrettanti esseri umani alle prese con sogni, tristezze, ribellioni, riflessioni su se stessi e sul mondo. Ne esce il ritratto di una fetta di città assai particolare (chi frequenta Bologna sa che in essa sopravvivono pezzi di anni '70 scomparsi, o distrutti, in tutto il resto del mondo) e di una generazione che si ostina, in modo orgoglioso e di tanto in tanto patetico, a non allinearsi. Il film, a vedersi, è noioso. Esserci, quando l'hanno girato, dev'essere stato uno spasso.

Paris, Dabar (2001)
Titolo originale: -
Regia: Paolo Angelini
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 89'
Cast: Osvaldo Caracciolo, Leonardo Piccellar, Antonio Roma, Roberto Bozzetti

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy