La casa dei matti di Andrej Konchalovskij - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 06/2003

La casa dei matti


Regia di Andrej Konchalovskij

Frontiera tra Cecenia e Inguscezia, anno 1996: scoppia la guerra civile, i ribelli ceceni attaccano le truppe russe. Sul confine c'è un manicomio; accanto al manicomio passa una ferrovia; sulla ferrovia sferraglia un treno e sul treno c'è Bryan Adams che strimpella la chitarra. No, non siamo impazziti, non dobbiamo esser rinchiusi anche noi in un manicomio ceceno. Andrej Koncalovskij, regista dal grande passato e dall'incerto presente, ha davvero piazzato il rocker canadese in un film-metafora sulla follia della guerra. Una delle pazze che vive nella "Casa" del titolo è una sua fan, e quando ha le visioni Bryan arriva in carne ed ossa a consolarla, facendole la serenata. È l'aspetto più bizzarro di un film talmente assurdo da poter diventare (forse) uno "scult". Koncalovskij ha tentato l'apologo alla Cechov sullo sgretolamento della sua patria: ma Cechov lavorava sulla sottrazione, lui non fa che aggiungere, di tutto. Urla, strepiti, chiacchiere alcoliche e canzoni di Bryan Adams.

La casa dei matti (2002)
Titolo originale: Dom durakov
Regia: Andrej Konchalovskij
Genere: Drammatico - Produzione: Russia/Francia - Durata: 104'
Cast: Julia Vysotskij, Eugenj Mironov, Sultan Islamov, Bryan Adams

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy