Quore di Federica Pontremoli - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 12/2002

Quore


Regia di Federica Pontremoli

Tre donne, la maternità. Ansie, desideri, sogni, incubi. Una ragazza rimane incinta dopo un rapporto occasionale con un ricco avvocato; sua madre, intanto, aspetta un bambino dal suo compagno (che non è il padre della ragazza); l'avvocato e sua moglie tentano di adottare un bambino sloveno. Un'attesa si conclude felicemente, un'altra tragicamente, un'altra in modo strano. Bella l'idea di raffigurare Dio (o chi per lui) come una vecchietta alla Agatha Christie che inventa bislacchi intrecci per la vita della gente. L'esordio di Federica Pontremoli è un piccolo film molto femminile (non femminista), non disprezzabile, con tre difetti: è molto esile, ha nel finale una svolta drammatica eccessiva che rischia di distruggere la fragile impalcatura fin lì costruita, e ha un'attrice protagonista (Michela Noonan) straniera. Quest'ultima non è una notazione leghista (l'attrice è brava), ma perché è stata scelta un'interprete di lingua non italiana per poi doppiarla (maluccio) in un ruolo che richiede lunghi monologhi recitati in primissimo piano? Misteri del casting. Perché si intitola "Quore"? Altro mistero.

Quore (2002)
Titolo originale: -
Regia: Federica Pontremoli
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 95'
Cast: Michela Noonan, Carla Signoris, Gigio Alberti, Mariella Valentini

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy