I banchieri di Dio di Giuseppe Ferrara - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 12/2002

I banchieri di Dio


Regia di Giuseppe Ferrara

Indiscutibilmente il film italiano più sconcertante della stagione. Ricostruendo la vicenda del banchiere Guido Calvi, e tutti i suoi intricatissimi legami con la P2, lo Ior, il Vaticano e le stanze più esclusive della politica italiana, Giuseppe Ferrara e Armenia Balducci (sceneggiatrice) vanno alle radici dei più misteriosi misteri italiani, e ricapitolano - grazie a una ricostruzione puntigliosa - un episodio centrale della nostra storia recente. Detto che lo scopo è nobile, l'esito del film è disastroso: la narrazione sta a cavallo fra un affastellato reportage televisivo e un teatrino dei pupi, e l'insieme è di impressionante bruttezza. Le prestazioni dei sosia di Andreotti e Craxi, nonché di un papa Wojtyla ripreso sempre di spalle (per ragioni "di rispetto", ci informa una didascalia: ma quali, visto che gli si mettono in bocca - giustamente - battute agghiaccianti?), sono forse la cosa più imbarazzante vista al cinema da molti anni a questa parte. Ferrara voleva girare il film 14 anni fa, con Volontè. Oggi il ruolo di Calvi è stato affidato a Omero Antonutti, l'unico bravo di un cast allucinante (da culto, in particolare, Alessandro Gassman nei panni del faccendiere Pazienza).

I banchieri di Dio (2001)
Titolo originale: -
Regia: Giuseppe Ferrara
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 100'
Cast: Omero Antonutti, Giancarlo Giannini, Pamela Villoresi, Rutger Hauer

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


All’ombra del Vaticano» Servizi (n° 17/2010)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy