Austin Powers in Goldmember di Jay Roach - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 49/2002

Austin Powers in Goldmember


Regia di Jay Roach

Terza avventura "bondiana" dell'agente Austin Powers, sballottato avanti e indietro nel tempo per cercare di bloccare i progetti distruttivi del dottor Male. Questa volta deve ritornare nel pieno degli anni '70 per impedire che il dottore unisca le proprie forze a quelle dell'altrettanto malvagio Goldmember e per sventare il rapimento del proprio padre, Nigel Powers, un Michael Caine in stato di grazia che rifà Harry Palmer con grinta da 007. Dopo titoli di testa esilaranti e fitti di comparsate eccellenti (Cruise, Paltrow, Spielberg, Spacey, De Vito, Quincey Jones, citatissimo comunque in colonna sonora), piombiamo nel consueto pastiche musical-psichedelico-scatologico, dove si affastellano ragazze, canzoni, citazioni, Godzilla e Hannibal Lecter, Darth Vader e Foxy Brown. Mike Myers questa volta si fa addirittura in quattro, e aggiunge lo svitato, baluginante Goldmember ai tre personaggi abituali, Austin, Male e Ciccio Bastardo. Tutto già noto, certo, ma la saga ha ritmo, umorismo da vendere e nessuna vergogna. Non si capisce perché in Italia non abbia successo; ma non dimentichiamo che neppure i Monty Python, all'epoca, fecero una lira.

Austin Powers in Goldmember (2002)
Titolo originale: Austin Powers in Goldmember
Regia: Jay Roach
Genere: Comico - Produzione: USA - Durata: 94'
Cast: Mike Myers, Michael Caine, Beyoncé Knowles, Michael York, Seth Green, Robert Wagner

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy