Un amore, una vita, una svolta di Martin Duffy - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 34/2001

Un amore, una vita, una svolta


Regia di Martin Duffy

Il titolo del film non c'entra niente. Siamo in un reparto di oncologia per bambini e adolescenti, nel quale un giovane si risveglia sano e senza memoria. Non gli possono dire chi è né perché è lì. Ha accettato di sottoporsi volontariamente a un esperimento, e dovrà riacquistare la memoria da solo, a partire dal frammento ricorrente di un incidente stradale. Se le premesse vi sembrano deliranti, sappiate che a ciò segue un'ora e mezza di battutine ad effetto, politically correct pervertito (i malati dicono le parolacce), cascami new age e un accenno di storia d'amore (in tutto tre passeggiate) che dovrebbe giustificare il titolo. Verso la fine c'è una svolta curiosa nella trama, che sposta il tutto nella fantascienza e potrebbe preludere a sviluppi interessanti. Ma il film rimane indegno anche di un pomeriggio estivo in Tv, e probabilmente gira in un paio di sale solo perché lo spaesatissimo protagonista Elijah Wood sarà protagonista del "Signore degli Anelli".

Un amore, una vita, una svolta (2000)
Titolo originale: The Bumblebee Flies Anyway
Regia: Martin Duffy
Genere: Drammatico - Produzione: USA - Durata: 93'
Cast: Elijah Wood, Janeane Garofalo, Rachael Leigh Cook, Eileen Snow, Janet Paparazzo

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy