Eden di Amos Gitai - la recensione di FilmTv

970x250.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv 39/2001

Eden


Regia di Amos Gitai

Non si capisce il senso e la necessità di "Eden", che viene dopo due film su temi forti, due film necessari, "Kadosh" e "Kippur". Parte da un romanzo di Arthur Miller, narratore e teatrante non eccelso che qui recita la parte del vecchio padre (negli Usa) di un giovane affarista che pensa di far fortuna nella Palestina del '40. Dove troviamo sua sorella con il marito architetto nazionalista e un intellettuale bibliomane buberiano che cerca giustizia e convivenza. Ai margini, una giovane terrorista anti-inglese che finisce in galera. Anni bui. La fotografia è elegante e decolorata, le scene poche e lunghe, e qua e là muratori vanno edificando sulle rive del mare. Si parla poco e si fa poco, per 90'. E poi a cinque minuti dalla fine succede di tutto: il racconto del marito che ha fatto la campagna d'Italia sullo stupro di gruppo di una contadina, il suicidio dell'intellettuale, la solitudine della donna nella Gerusalemme di ieri e anche di oggi. Un film rispettabile, poco convinto o convincente, minore.

Eden (2001)
Titolo originale: Eden
Regia: Amos Gitai
Genere: Drammatico - Produzione: Francia/Italia/Israele - Durata: 95'
Cast: Samantha Morton, Thomas Jane, Luke Holland, Arthur Miller

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy