Sieranevada di Cristi Puiu - la recensione di FilmTv

414_TIM.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv 23/2017

Sieranevada


Regia di Cristi Puiu

Dice Cristi Puiu che il titolo Sieranevada evoca avventure western, musicalità spagnola, paesaggi nevosi, e volendo anche i casermoni di Bucarest costruiti in era comunista, a suo dire molto simili a catene montuose cariche di neve. Una parola unica, inventata per l’occasione, che nella sua assurdità riassume il senso del film: la chiusura di una comunità dentro gli spazi angusti di un appartamento e il bisogno di ciascun individuo di far parte del proprio mondo, e al tempo stesso di uscirne; di trovare il proprio spazio e affermare la propria singolarità, la propria avventura. Al centro del racconto c’è una riunione familiare: la commemorazione di un capofamiglia a 40 giorni dal suo decesso. Nell’abitazione del defunto ci sono tutti: la vedova, i figli, le figlie, i mariti, le mogli, i nipoti, i fidanzati, le fidanzate, talvolta anche i vicini. Si aspetta l’arrivo del pope per la benedizione, e nell’attesa, mentre in cucina si prepara da mangiare, si fuma, si parla, si ascolta musica, nel salotto si discute e si litiga su ogni argomento, dall’11 settembre al terrorismo, al comunismo. La tavola è imbandita, il cibo pronto, nessuno mangia. C’è sempre una buona ragione per alzarsi, per spostarsi da una stanza all’altra, per passare dai locali illuminati della zona giorno a quelli bui della zona notte, come se la casa di Sieranevada (come quella del primo film di Puiu, La morte del signor Lazarescu, 2005) fosse l’immagine stessa del mondo, dei suoi confini e delle sue polarità, e la macchina da presa, con lunghi pianisequenza, leggeri spostamenti laterali, campi fissi seguiti da improvvisi controcampi, provasse a coglierne l’ampiezza e la profondità. E quando, all’inizio e verso la fine, il racconto si svolge fuori dall’appartamento, fra le strade di Bucarest, i personaggi sono ugualmente intrappolati: fermi nel traffico, responsabili di un ingorgo o bloccati da altre macchine. Con il suo cinema claustrofobico e metaforico, Puiu costruisce un diorama ingolfato e caotico della realtà storica e sociale della Romania contemporanea, i conti ancora aperti di un popolo verso il proprio passato, la paura collettiva del presente (la cerimonia domestica avviene tre giorni dopo la strage di “Charlie Hebdo”), il pessimismo verso il futuro. Negli spazi aperti della città come in quelli angusti dell’appartamento, i suoni e le parole s’intendono non sempre in maniera chiara: ciascuno ha la propria percezione di un fatto, di un ricordo, di una persona. C’entra il comunismo, certo, c’entra il tentativo durato quattro decenni di riscrivere la Storia e annullare la realtà; ma c’entrano anche la fragilità e la solitudine di ogni individuo costretto a farsi spazio nel mondo, nella comunità, nella famiglia. E c’entrano i continui cambiamenti nei rapporti di forza all’interno di un gruppo, la complessità delle relazioni di sangue, di affetto e di interesse che Puiu ricostruisce in uno spazio totale, a 360°, con una fantasmagoria strozzata di suoni, figure e movimenti. Capolavoro.

I 400 colpi

PMB
7
MC
7
SE
7
MG
7
RM
9
MM
8
EM
8
FM
7
GAN
9
LP
8
GS
8
RS
8
FT
8
Sieranevada (2016)
Titolo originale: Sieranevada
Regia: Cristi Puiu
Genere: Drammatico - Produzione: Romania/Francia/Bosnia ed Erzegovina/Croazia/Macedonia - Durata: 173'
Cast: Mimi Branescu, Judith State, Bogdan Dumitrache, Dana Dogaru, Sorin Hedeleni, Ana Ciontea, Tatiana Jekel, Valer Dellakeza, Ioana Craciunescu

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Monsieur le cinéma» Servizi (n° 19/2016)
Sieranevada» Scanners (n° 01/2017)
Intervista a Cristi Puiu» Interviste (n° 23/2017)

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy