Baci rubati di Fabrizio Laurenti, Gabriella Romano - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 07/2021

Baci Rubati


Regia di Fabrizio Laurenti, Gabriella Romano

No, Truffaut non c’entra in questo doc sugli Amori omosessuali nell’Italia fascista, prodotto dall’Istituto Luce e ricco di filmati e foto d’epoca. Diretto da Laurenti e Romano, è una carrellata di piaceri inconfessabili tra bagni pubblici e spiagge di Capri, nella sensualità di corpi soprattutto maschili. Consulenza storica di Gianni Rossi Barilli. Sorpresa: al centro del film non ci sono la repressione, il confino e l’invio nei campi di sterminio dei gay, ma la poesia. Lettere d’amore trovate nei mercatini, diari intimi, versi di scrittori e scrittrici, da Palazzeschi a Yourcenar, cantano la gioia del sesso in una variazione sul tema di grande intensità. Il fascismo scolora di fronte alle note amorose e impertinenti. «A me piacciono i marinai...» scrive Filippo de Pisis. Alla scrittrice britannica Radclyffe Hall invece, oltre alle donne, piaceva il duce.

Baci Rubati (2019)
Titolo originale: -
Regia: Fabrizio Laurenti, Gabriella Romano
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 50'
Distribuzione: Luce Cinecittà
Sceneggiatura: Fabrizio Laurenti, Gabriella Romano
Fotografia: Fabrizio Laurenti

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy