Bruce Springsteen's Letter to You di Thom Zimny - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 44/2020

Bruce Springsteen's Letter to You


Regia di Thom Zimny

«Sono nel mezzo di una conversazione lunga 45 anni con gli uomini e le donne che mi circondano, e con qualcuno di voi». Sono le prime parole di Bruce Springsteen in Letter to You, il film che accompagna l’uscita del disco omonimo. La “lettera a voi” del titolo è un modo per fare gruppo, è dedicata in parte alla E Street Band e in parte a “noi”, i fan, per i quali l’album è stato pensato come una sorta di risarcimento dopo il più intimo e anomalo Western Stars (per inciso, di una bellezza incompresa, ma tempo al tempo...). Il film diretto da Thom Zimny è la cronaca di un’ora e mezza dei cinque giorni di registrazione nello studio di Colts Neck nel New Jersey, praticamente in casa, e si respira un po’ quell’aria lì, da seconda riunione (familiare) alla quale non a caso partecipa anche Frank Bruno, cugino di Bruce da parte di madre. Si lavora all’incisione di dieci brani su dodici del disco, mancano la più politica Rainmaker, su un populista “mago della pioggia”, scritta ai tempi di George W. Bush ma perfetta oggi per Trump, e la magnifica - anzi di più, un capolavoro - Janey Needs a Shooter, composta nel 1972, scartata dalla playlist di The Wild, the Innocent & the E Street Shuffle e infine regalata a Warren Zevon che ne modificò leggermente il testo come Patti Smith con Because the Night, facendola sua. Non è la sola eredità del passato: If I Was the Priest ha 50 anni, e la dylaniana Song for Orphans (non certo sconosciuta agli appassionati) 48. Ma stanno bene in mezzo alle canzoni nuove perché Letter to You di questo tratta: del passato. E dei suoi fantasmi, senza nostalgia ma senza neanche far finta che tutto sia come prima. Il brano migliore tra i nuovi, per chi scrive, è Last Man Standing, pensato dopo la morte di George Theiss, il band leader del primo gruppo di Bruce, dai 16 ai 19 anni («la mia scuola di vita e di rock’n’roll»), i Castiles, ai quali il film è dedicato. Di quell’antico combo Springsteen è l’unico superstite. Intorno a un’idea di memoria si costruiscono la musica e le immagini: tutto Letter to You è in bianco e nero tranne le scene di repertorio degli estreeter giovanissimi, a colori. «Ghosts» dice Springsteen a proposito del più radiofonico dei brani «è una canzone sulla bellezza di far parte di una band, ma anche sulla paura di perderci, per malattia o perché il tempo passa». Non c’è tristezza però, tutti i musicisti fanno il loro lavoro magistrale, rispolverano la complicità umana e professionale che li ha resi leggendari e finiscono con il bicchiere in mano a sorseggiare whisky (o, chissà, grappa) come in un film di Howard Hawks, tra risate, ricordi, pacche sulle spalle e brindisi agli assenti. In verità il primo brindisi Steven Van Zandt lo fa a San Siro, perché se lo dicono chiaro che non vedono l’ora di tornare a suonare davanti alla loro gente, e con la medesima franchezza fanno capire di volerlo fare partendo da Milano. Una lettera a noi che va letta fino in fondo. Come nei film della Marvel infatti bisogna aspettare che siano passati i titoli di coda per la sorpresa finale: Bruce e il cugino a strimpellare una vecchia canzone dei Castiles, sul divano, tra gli spettri buoni della meglio gioventù.

Bruce Springsteen's Letter to You (2020)
Titolo originale: Bruce Springsteen's Letter to You
Regia: Thom Zimny
Genere: Documentario/Musicale - Produzione: Usa - Durata: 90'
Distribuzione: AppleTv+
Sceneggiatura: Bruce Springsteen
Musiche: Bruce Springsteen
Montaggio: Thom Zimny
Fotografia: J. DeSalvo, C. Libin, A. Rossi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy