Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 04/2018

Chiamami col tuo nome


Regia di Luca Guadagnino

E se quel «Later» fosse la parola più passionale del cinema contemporaneo? L’espressione più amorosa? Later, cioè a dopo, a più tardi (ed è discutibile che nell’adattamento italiano del romanzo di André Aciman, edito da Guanda, sia tradotto sempre e comunque come soltanto «Dopo»). Magari non ci vediamo dopo, probabilmente non c’è nessun appuntamento, dopo, però dopo avverrà forse un nuovo noi. L’amore? Il sesso? Sì. È Oliver a dirlo, «Later». È lui, il ricercatore ospite nella casa estiva del professor Perlman. Later: quale interiezione, sospensione, conclusione del discorso, ma anche rilancio, rinvio, irresistibile differimento. Ed è specialmente Elio l’inevitabile destinatario, il figlio del professore, il diciassettenne improvvisamente innamorato dell’uomo più grande di un paio di lustri, un innamoramento totale e innominato, impreciso, imprecisato e ossessivo, violento e caotico, Elio che non capisce e che immagina, che vuole e che non crede, Elio che non guarda per paura di guardare troppo e che non osa finché il tempo che resta è troppo poco, ah quanto tempo abbiamo fatto passare inutilmente, perché abbiamo aspettato così tanto? Una parola brutale che sembra rinunciare all’emozione, e che invece quell’emozione la interrompe per darle più gioia, dopo. Perché l’amore e il sesso siano più completi. E dopo? Come in ogni mélo, c’è la fine. Che avviene naturalmente alla stazione ferroviaria, come il Breve incontro di un Weekend. Later. E dunque Chiamami col tuo nome, Oliver, Elio, Elio, Oliver, non è soltanto un racconto di formazione ma uno stupefacente lavoro su un’esclamazione erotica arrestata, su una cessazione quale forma di consapevolezza e insieme di appagamento. E Guadagnino, che già in Io sono l’amore e A Bigger Splash usava l’interruzione e la sospensione come stile di racconto, oltre che di realtà, trova in questa parola così apparentemente casuale e invece decisa e decisiva la vera quadratura del cerchio: Later vuol dire allora che, in qualche modo, un dopo ci sarà, e l’attesa, benché frustrante e spietata, è dolce come il naufragar. In questo mondo veramente sospeso, un mondo a parte, un pianeta errante, nel quale i corpi esistono senza gravità, e quello più spaventosamente libero da difese e protezioni è Elio, scosso dalla sua stessa età, in questa galassia smarrita e indefinita il dopo è una promessa, un conto che è meraviglioso saldare, l’esigenza di un tempo e di un altrove in grado di saziare. Ancora, il tempo! Sciaguratamente perso eppure meravigliosamente trovato. E come per Maurice nel capolavoro omonimo di James Ivory, qui sceneggiatore di intelligenza eccezionale, la scoperta del sé più compiuto non equivale a un gesto, a una scelta, a una strada da percorrere: è un segno inevitabile proprio del tempo. Cioè, a tempo debito. Dopo. Quando il giorno e la notte non presenteranno differenze, il presente avrà finalmente un nome e l’identità saprà smarcarsi dalla fantasia. Quando infine non ci sarà più il tempo del dubbio, e quel dopo non verrà più né conquistato né dominato dai contorni del sogno, anche a costo di perderlo, anche a costo che il dopo diventi il mai più

I 400 colpi

AA
9
PA
9
PMB
10
MC
10
AC
8
FDM
10
SE
8
IF
8
AF
7
MG
7
RM
9
MM
7
EM
7
FM
7
RMO
8
GAN
10
LP
8
ES
10
GS
8
RS
10
FT
8
Chiamami col tuo nome (2017)
Titolo originale: -
Regia: Luca Guadagnino
Genere: Mélo - Produzione: Italia/Francia/Brasile/Usa - Durata: 130'
Cast: Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel
Distribuzione: Warner Bros.
Sceneggiatura: Luca Guadagnino, James Ivory

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Berlino chiama» Servizi (n° 06/2017)
Luca Guadagnino: «Abbiamo ricercato...» Interviste (n° 49/2017)
Le immagini del desiderio -...» Interviste (n° 04/2018)
Il tempo delle pesche» Servizi (n° 05/2018)

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy