Credo in un solo padre di Luca Guardabascio - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 12/2021

Credo in un solo padre


Regia di Luca Guardabascio

Preghiere, rosari, stupri. Nel Sud Italia Giuseppe è un padre padrone, violento con moglie e figli. Uno di questi, Gerardo, una volta diventato grande e sposato Maria, decide di cercare fortuna in Austria, lasciando consorte e prole nella casa paterna, che diventa per l’ennesima volta teatro di sopraffazioni da parte del suocero-nonno. Il regista Luca Guardabascio si muove in un intollerabile regno patriarcale, dove le donne pagano in modo brutale e silenzioso la loro presenza. Ma anche le intenzioni più buone perdono efficacia se immerse in una sguaiata rappresentazione manichea, dove la regia procede per accumuli di brutalità. Così il mélo diventa presto greve e il detestabile, assatanato orco rischia a tratti quasi la caricatura. Ultimo film di Flavio Bucci, Baccini canta e fa un’apparizione.

Credo in un solo padre (2019)
Titolo originale: -
Regia: Luca Guardabascio
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 98'
Cast: Massimo Bonetti, Anna Marcello, Giordano Petri, Claudio Madia, Flavio Bucci, Maddalena Ischiale, Marc Fiorini, Luca Lionello, Chiara Primavesi, Luca Guardabascio, Rita Del Piano, Simone Gentile
Distribuzione: Around Culture
Sceneggiatura: Luca Guardabascio, Michele Ferruccio Tuozzo

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy