Dear Comrades di Andrey Konchalovskiy - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv V0/2020

Dear Comrades


Regia di Andrey Konchalovskiy

Quattro anni dopo Paradise, Končalovskij prosegue nella rilettura del secondo Novecento: prima l’orrore dei lager, ora la grave crisi sistemica vissuta dall’Urss sotto la presidenza Krusciov («Come è possibile uno sciopero in una società comunista?») soffocata in un massacro, a lungo taciuto, nel corso del quale le vittime vennero sepolte sotto falso nome o in tombe di altre persone perché non venissero mai ritrovate. Il tutto è raccontato dalla prospettiva di una convinta militante che, coinvolta in prima persona (la figlia è tra i manifestanti), si trova costretta a mettere in discussione gli ideali di una vita. Il regista ripropone la stessa confezione grazie alla quale vinse, nel 2013, il Leone d’argento: quella di un intrattenimento pensoso e patinato ottenuto ostentando gli stilemi del rigorismo formale (il bianco e nero; il formato 4:3, che danno sempre una patina d’autorialità). Programmatico e senile.

I 400 colpi

MM
5
Dear Comrades (2020)
Titolo originale: Dorogie tovarishchi
Regia: Andrey Konchalovskiy
Genere: Drammatico/Storico - Produzione: Russia - Durata: 116'
Cast: Yuliya Vysotskaya, Vladislav Komarov, Alexander Maskelyne
Sceneggiatura: Andrey Konchalovskiy, Elena Kiseleva

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy