Dopo la guerra di Annarita Zambrano - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 18/2018

Dopo la guerra


Regia di Annarita Zambrano

Sugli anni di piombo continua a esserci confusione (a essere generosi) e circolano mitologie repellenti (a essere spassionati): lo dimostra il triste teatrino innescato dal quarantennale di via Fani, con reduci-star applauditi nei centri sociali. Ormai anche questo fa parte della Storia, purtroppo. Il film di Annarita Zambrano parte da un omicidio che ricorda quelli di Massimo D’Antona o di Marco Biagi; e prosegue mettendo in scena un terrorista (Battiston) né pentito né dissociato, che vede scadere i benefici della “dottrina Mitterrand” ma non assomiglia a Cesare Battisti. Quando parla, sembra un brigatista doc: un pallone gonfiato (anche se forse l’intento della regista non era rappresentarlo come tale) che invoca una mancata “analisi storica” e giustifica la violenza col fatto che conduceva una “guerra contro lo stato”. Nessun pentimento, nessuna pietà. Esige l’amnistia, ma sembra ignorare che quasi tutti i suoi colleghi sono a piede libero da un pezzo. Questo Zambrano non lo dice, questo mina nelle fondamenta il suo film così equanime, così equilibrato. Dal punto di vista della drammaturgia, va detto che funziona la scelta di concentrarsi sui famigliari del terrorista: la figlia in tempesta ormonale che non capisce un padre piuttosto padrone, la madre ambigua come tutte le madri, la sorella che patisce la parentela con un assassino che non vede da vent’anni. Poi, però, quando si devono stringere le fila dell’intreccio, c’è il solito, comodo deus ex machina: e questo funziona un po’ meno. Com’è difficile fare un film sul terrorismo. Non che sia impossibile, peraltro.

I 400 colpi

SE
4
IF
5
MG
6
RM
5
FM
4
GAN
4
GS
5
RS
7
media
5.0
Dopo la guerra (2017)
Titolo originale: -
Regia: Annarita Zambrano
Genere: Drammatico - Produzione: Italia/Francia - Durata: 92'
Cast: Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Fabrizio Ferracane, Charlotte Cetaire
Distribuzione: I Wonder Pictures
Sceneggiatura: Annarita Zambrano, Delphine Agut

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Cannes 2017: Un Certain Regard -...» Servizi (n° 20/2017)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy