Dunkirk di Christopher Nolan - la recensione di FilmTv

970x250.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv 35/2017

Dunkirk


Regia di Christopher Nolan

A terra: una settimana. In mare: un giorno. In aria: un’ora. Sono questi i tre segmenti temporali che Christopher Nolan interseca e mescola nella sua straordinaria ricostruzione dell’evacuazione di Dunkerque, di quella settimana tra la fine di maggio e i primi di giugno del 1940, quando le truppe inglesi in ritirata, intrappolate dai tedeschi di fronte alla Manica, furono incredibilmente riportate a casa dall’intervento della Marina e dalle centinaia di piccole imbarcazioni private accorse all’appello emanato via radio. Intanto, in cielo, gli Spitfire della RAF guadagnavano fama leggendaria nei duelli contro gli aerei della Luftwaffe che bombardavano le navi e i soldati ammassati sulla spiaggia. Pareva bastassero i micidiali Stuka a impedire il salvataggio; ma “l’invincibile armata“ tedesca non aveva tenuto conto di quello che sarebbe diventato proverbiale come “lo spirito di Dunkirk“: la chiamata alle armi di un popolo di isolani con un forte spirito identitario. Ne riportarono indietro 340 mila (120 mila dei quali francesi). «Con le evacuazioni non si vincono le guerre», disse Churchill nel famoso discorso del 4 giugno 1940 (che echeggia nel finale del film); e proseguì trasformando «un disastro militare colossale» in uno scatto d’orgoglio nazionale: «Noi combatteremo in Francia, noi combatteremo sui mari e sugli oceani, noi combatteremo nell’aria. Noi combatteremo sulle spiagge, sui campi e sulle strade; noi non ci arrenderemo mai». È su questo spirito che Nolan ha costruito Dunkirk: non un film di guerra, ma un film su una grande emozione collettiva, su gente esausta e in pericolo di vita che aspetta un miracolo, e su gente ostinata e silenziosa che va dritta al proprio dovere morale; sui soldati, inquadrati sulla spiaggia bianca come lunghe colonne di formiche pazienti e spaventate, e sui piloti senza volto che allineano nel mirino l’aereo nemico e volano fino all’ultima goccia di carburante. Un film corale dove il tempo è quello soggettivo e frammentato di ogni singola esperienza: tutto dura un attimo e tutti gli attimi danno forma all’essenza storica. Un film con pochissimo sangue e poche parole, perché bastano le immagini, la loro successione e la musica di Hans Zimmer a innescare la tensione incessante di quella settimana, quel giorno, quell’ora. «La loro ora più bella», citazione shakespeariana fin troppo facile (dall’incitazione di Enrico V alla battaglia di Azincourt), ma che descrive bene quello che gli inglesi (Christopher Nolan in testa) sentono ancora oggi per il miracolo di Dunkirk. E il film è, appunto, la ricostruzione di un sentimento, prima che di un folgorante episodio bellico. Il sentimento che appare sulla faccia di Kenneth Branagh (l’ufficiale che sovrintende all’evacuazione) quando, all’improvviso, intravvede all’orizzonte qualcosa: anche là, tante formiche sull’acqua che, subito dopo, appaiono per quello che veramente sono, le barche, i mercantili, i pescherecci che arrivano in Francia. «Home» (casa) che viene a salvare i suoi ragazzi.

I 400 colpi

AA
8
PA
9
CB
10
PMB
8
MC
8
AC
8
FDM
8
SE
5
IF
5
AF
7
MG
8
RM
8
MM
6
EM
10
FM
5
GAN
6
LP
6
ES
7
GS
5
RS
6
FT
9
media
7.2
Dunkirk (2017)
Titolo originale: Dunkirk
Regia: Christopher Nolan
Genere: Guerra - Produzione: Usa/Gb/Francia/Olanda - Durata: 106'
Cast: Cillian Murphy, Kenneth Branagh, Mark Rylance, Tom Hardy, Harry Styles, Fionn Whitehead, Damien Bonnard, Aneurin Barnard, Lee Armstrong, James Bloor
Distribuzione: Warner Bros.
Sceneggiatura: Christopher Nolan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il Sassolino n° 37/2017» Il Sassolino (n° 37/2017)
Christopher Nolan: «Voglio mostrare...» Interviste (n° 45/2017)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy