El Camino: Il film di Breaking Bad di Vince Gilligan - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 42/2019

El Camino: Il film di Breaking Bad


Regia di Vince Gilligan

(Attenzione: spoiler). I personaggi di Breaking Bad hanno sempre preso la strada lunga. È la cifra della serie: che fosse per l’inesperienza del neo re della droga Walter White, per l’attitudine da teenager svogliato di Jesse Pinkman, per la meticolosità di Gus Fring, per il codice d’onore di Mike Ehrmantraut o per i loschi affari di Saul Goodman, nessuno poteva, né voleva, andare dritto al sodo. La serie di Vince Gilligan ha fatto della dilatazione degli eventi il meccanismo vincente: gli elaborati piani di accumulo & riciclaggio del denaro, i bizzarri strumenti di morte (ricina, fucili telecomandati...), le uscite alla MacGyver («magneti!»), i flashforward in apertura di episodio, tutto contribuiva a costruire la tensione con tempi rarefatti, a iniettare umorismo, a grattare sotto il thriller per far brillare l’umanissima parabola. Era forse inevitabile che El Camino fosse un’ulteriore “strada lunga”: quella presa da Pinkman per riacquisire la dignità. Nel finale, in onda nel 2013, Walt l’aveva liberato dai neonazisti che lo usavano come schiavo produttore di droga, e lì ritroviamo Jesse, con cicatrici visibili e non, sbirri alle costole e nessun posto dove fuggire. Il giro lungo gli fa compiere una tortuosa serie di tappe per recuperare il denaro che può, forse, comprargli una nuova vita. Sul sentiero, molti volti noti, su cui spicca quello del magnifico Robert Forster, nei panni del venditore di aspirapolveri & nuove identità divenuto indimenticabile pur comparendo in una sola puntata. Ma c’è posto per una rimpatriata in piena regola, grazie ai flashback piazzati con sfacciata ricerca dell’effetto emotivo, più che con cura per l’economia narrativa (perché sì, El Camino è un film di Breaking Bad, ma anche, inequivocabilmente, un film di Netflix, ancora sinonimo di una certa piattezza linguistica): oltre al raccapricciante Todd, ecco sbucare Mike (è lui a fornire a Jesse la sua destinazione: l’Alaska, tavolozza opposta a quella ocra di Albuquerque), Jane e, ovviamente, Walter White, con un colpo basso che ci riporta indietro ai tempi della seconda annata della serie. «Lo so che è peccato metter parole in bocca ai morti; so che è un crimine intrecciare i tuoi desideri con le loro voci» canta Jim White sui titoli di coda, ed è come se Gilligan si stesse confessando: lo sapeva che non si fa, che non si ripescano personaggi defunti per affidare loro dialoghi che indichino la via all’eroe del sequel. Lo sapeva, ma l’ha fatto comunque, perché anche lui ha preso la strada lunga, per chiudere il cerchio di Jesse: sei anni per completare il romanzo (criminale) di formazione di un ragazzo divenuto uomo nel peggiore dei modi, con un mentore pericoloso e un orizzonte ridotto a gabbia. Se Walt aveva avuto la sua catarsi, non così Pinkman, con cui Gilligan regola i conti trasformando il giovane che non sapeva sparare in un antieroe duro come il diamante (con tanto di duello western alla Leone), dandogli un nuovo senso, un nuovo nome. Una nuova puntata. Che mette la parola fine dopo quella che già era una fine; più che fan service, quello di Gilligan è self service, come il banco della colazione dove per qualche minuto ritroviamo Jesse & mr. White, ignari di tutto.

I 400 colpi

AA
6
IF
6
AF
6
MG
7
GAN
7
media
6.4
El Camino: Il film di Breaking Bad (2019)
Titolo originale: El Camino: A Breaking Bad Movie
Regia: Vince Gilligan
Genere: Drammatico/Gangster - Produzione: Usa - Durata: 122'
Cast: Aaron Paul, Jesse Plemons, Robert Forster, Matt Jones, Jonathan Banks, Charles Baker, Larry Hankin
Distribuzione: Netflix
Sceneggiatura: Vince Gilligan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il ritorno di Jesse il bandito» Servizi (n° 41/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy