Foxtrot di Samuel Maoz - la recensione di FilmTv

414_TIM.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv V0/2017

Foxtrot


Regia di Samuel Maoz

Il foxtrot è un ballo: avanti-avanti, destra-destra-stop, indietro-indietro, sinistra-sinistra-stop. Fai i tuoi passi, e ritorni al punto di principio. E così la paraboletta israeliana, che parte come dramma borghese, e finisce sempre e comunque alla guerra: un simbolismo strettissimo, altamente leggibile, sempre incombente. Una regia geometrica, d’autore autoritario, ironico e sadico, satirico e tragico. Un recitato in overacting come il gioco del demiurgo. Ci possono essere errori, ci possono essere derive nell’assurdo, ma il balletto del destino non permette fughe. Non c’è aria nella prigione del senso di colpa. Non c’è niente che possa cancellare il peccato originale. Impossibile non essere segnato dalla guerra, se il tuo paese è sempre in guerra. L’allegoria non fa in tempo a esser tale che ritorna al reale. Il foxtrot è un teorema.

I 400 colpi

PA
5
MC
4
AF
9
RM
6
MM
5
LP
7
GS
7
RS
5
FT
4
Foxtrot (2017)
Titolo originale: Foxtrot
Regia: Samuel Maoz
Genere: Drammatico - Produzione: Israele, Germania, Francia, Svizzera - Durata: 113'
Cast: Lior Ashkenazi, Sarah Adler, Dekel Adin, Yehuda Almagor, Shaul Amir, Gefen Barkai, Ran Buxenbaum, Rami Buzaglo, Aryeh Cherner, Eden Daniel

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy