Gauguin a Tahiti - Il paradiso perduto di Claudio Poli - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 13/2019

Gauguin a Tahiti - Il paradiso perduto


Regia di Claudio Poli

La stessa irrequietezza che agitava la vita del pittore muove il doc di Poli su Paul Gauguin: biograficamente cronologico, come da convenzione d’arte al cinema, impeccabile confezione Nexo Digital ulteriormente impreziosita dalle bellissime musiche di Anzovino, narrato e contrappuntato da un pensoso Adriano Giannini in uno studio para-ottocentesco, parte in una Parigi industrializzata e claustrofobica per poi farsi via via più selvaggio, passando dalle coste battute dal vento della Bretagna fino ai colori accecanti e alla natura lussureggiante della Polinesia. Seguendo sottilmente, nelle interviste ai diversi curatori dei musei che ospitano le opere dell’artista in giro per il mondo, anche una traccia critica anticolonialista: nel paradiso lontano dov’è fiorita, oggi, dell’arte di Gauguin non resta neppure un esempio.

I 400 colpi

AC
6
Gauguin a Tahiti - Il paradiso perduto (2019)
Titolo originale: -
Regia: Claudio Poli
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 90'
Distribuzione: Nexo Digital
Musiche: Remo Anzovino
Montaggio: Claudio Poli
Fotografia: Lorenzo Giromini

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy