It Must Be Heaven di Elia Suleiman - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv C0/2019

Il Paradiso probabilmente


Regia di Elia Suleiman

Come il viaggiatore persiano di Montesquieu, Suleiman parte dalla sua Nazareth verso Parigi e New York. Non più «la Palestina come microcosmo del mondo, ma il mondo come microcosmo della Palestina». Dice tre solo parole: «Nazareth» e «sono palestinese». Per il resto, novello Tati come nei film precedenti, ma con una vena comica più spiccata e fin gratuita, osserva il mondo – dal giardino di casa al Luxembourg al Financial District – nella sua follia composta. Il formato panoramico allarga i bordi, la figura impassibile del viaggiatore muto fa da principio regolatore dello spazio, ne subisce e a tratti ne dirige le dinamiche. Non è impassibile, Suleiman, e nemmeno rassegnato; piuttosto usa il cinema per ribaltare le convenzioni del genere politico e scovare nella realtà sia il germe della violenza, sia la resistenza alla sua logica surreale.

I 400 colpi

RM
7
Il Paradiso probabilmente (2019)
Titolo originale: It Must Be Heaven
Regia: Elia Suleiman
Genere: Comico - Produzione: Francia/Qatar/ Germania/Canada/Turchia/Palestina - Durata: 97'
Cast: Elia Suleiman, Gael García Bernal, Vincent Maraval, Ali Suliman, Gregoire Colin, Holden Wong, Robert Higden, Sebastien Beaulac, François Girard
Distribuzione: Academy Two
Sceneggiatura: Elia Suleiman

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il Paradiso probabilmente» Cinerama (n° 49/2019)
Lontano dal paradiso - Intervista a...» Interviste (n° 49/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy