Kemp - My Best Dance Is Yet to Come di Edoardo Gabbriellini - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 40/2019

Kemp - My Best Dance Is Yet to Come


Regia di Edoardo Gabbriellini

«Alcuni pensano che io sia impuro, perché apro la bocca». Lindsay Kemp amava le parole ed Edoardo Gabbriellini raccoglie quelle dell’ultimo scorcio di vita, in un ritratto dell’artista (mimo, ballerino, coreografo…) colto nella scenografica cornice della sua casa livornese. Una loquela avvolgente, la sua, di cui il regista restituisce integra la forza. E che dice di un’arte-vita ispirata dai grandi (Marcel Marceau) e ispirazione per grandi (David Bowie, di cui non vuol parlare più), vissuta al centro e ai margini dei grandi palcoscenici. A contrappunto frammenti di interviste d’epoca e di spettacoli (Flowers, naturalmente, ma non solo). E, tra le pieghe, la coscienza di aver accennato un percorso che, come recita il titolo, alla danza più bella (il vagheggiato Dracula?) doveva ancora arrivare.

I 400 colpi

LP
7
Kemp - My Best Dance Is Yet to Come (2018)
Titolo originale: -
Regia: Edoardo Gabbriellini
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 63'
Distribuzione: Mammuth film
Sceneggiatura: Edoardo Gabbriellini
Musiche: Stefano Pilia
Montaggio: Andrea Di Fede, Walter Fasano
Fotografia: Daria D’Antonio

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy