L'ora più buia di Joe Wright - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 03/2018

L'ora più buia


Regia di Joe Wright

Fin dalla prima, turbinosa inquadratura, dopo la breve introduzione di repertorio, sappiamo che siamo in un film di Joe Wright: l’aula del parlamento britannico, dove va in scena la scelta del leader che guiderà una Gran Bretagna messa in ginocchio dalla guerra, è un palcoscenico teatrale, un carillon survoltato come quello entro cui era rinchiusa la sua Anna Karenina. Il regista inglese si è già cimentato con l’eco di quelle bombe, sotto le quali soccombevano i personaggi di Espiazione, dalle quali volava via il piccolo Peter di Pan - Viaggio sull’isola che non c’è; ma da sempre, ciò che a Wright interessa non è la Storia, ma una storia, l’incanto sempiterno dell’artificio. La parzialità e la menzogna dell’arte affabulatoria; come la favola nera di Hanna, come le bugie creative di Briony in Espiazione, anche questo Winston Churchill è un’invenzione, una fiaba. La favola di un primo ministro che, durante la guerra e in piena emergenza, scappa dall’autista e prende la metropolitana per parlare col suo popolo, e per percorrere una sola fermata impiega sei minuti: implausibile? Certo, perché il cinema di Wright non ha alcun interesse per la verità, per la concretezza dei fatti. Ciò che a Wright interessa, e che ben conosce, è il peso specifico delle immagini: il massiccio profilo con sigaro di Churchill (non basterebbero tutte queste righe per elogiare la prova di Gary Oldman, capace di farci dimenticare che c’è lui dentro le protesi del protagonista; di farci dimenticare perfino che quelle protesi esistono) è icona, è mito, è innesco del racconto (e vale come la scena primaria che appiccava l’intreccio di Espiazione, le membra di Keira Knightley e James McAvoy congelate in un amplesso aracnide davanti agli occhi della piccola Saoirse Ronan). Per questo L’ora più buia è un fanta-biopic, l’unico antidoto alla piatta performance di “realismo aumentato” di Dunkirk. Wright sceglie la stessa cornice storica del concittadino e coetaneo Nolan: un solo mese, il maggio 1940, quello in cui Churchill fu eletto primo ministro e con l’operazione Dynamo portò in salvo i 126 mila uomini bloccati sulla spiaggia di Dunkerque. La stessa spiaggia che il regista aveva già indelebilmente fotografato in un pianosequenza di Espiazione rimasto negli annali, e che qui è solo evocata dal discorso di Churchill, «We shall fight on the beaches». L’ora più buia, di quel discorso, è la messa in cinema, la trasposizione, firmata da uno sfrontato enfant prodige degli adattamenti (Austen, McEwan, Tolstoj, tra audacia kitsch e calligrafia sublime). Perché di parole, anche qui, si tratta; motti e aforismi, dialoghi puntuti, una partitura di battute tambureggianti, risposte trancianti, missive battute a macchina (cifra ricorrente di Wright, che costella i suoi film di tasti furiosamente premuti e dei segni fisici, sensuali perfino, delle lettere stampigliate su carta). L’ultima frase del film è la celebre chiosa a quel discorso (storicamente pronunciata da Edward R. Murrow e qui, per immancabile e coerente licenza poetica, attribuita al visconte Halifax): «Ha mobilitato la lingua inglese e l’ha mandata in guerra». Wright prende in prestito per sé quella frase, si fregia delle mostrine mentre mobilita le immagini, le schiera sullo schermo, ne fa carne da macello e polpa da mélo.

I 400 colpi

AA
7
PA
8
CB
6
AC
7
SE
4
IF
8
AF
7
MG
6
RM
5
MM
8
EM
7
FM
6
RMO
7
GAN
6
LP
9
GS
8
RS
6
FT
6
L'ora più buia (2017)
Titolo originale: Darkest Hour
Regia: Joe Wright
Genere: Biografico, Storico - Produzione: Gb - Durata: 125'
Cast: T Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Ben Mendelsohn, Lily James, Ronald Pickup, Stephen Dillane, Samuel West, Jordan Waller, Hannah Steele, Hilton McRae

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Immagini & potere» Servizi (n° 50/2017)

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy