La casa di Jack di Lars von Trier - la recensione di FilmTv

970x250.JPG

Recensione pubblicata su FilmTv 09/2019

La casa di Jack


Regia di Lars von Trier

Impossibile pensarlo al di fuori di un percorso di autocelebrazione antagonista del suo ingegnere/architetto, Lars von Trier: un libretto rosso di tutto quello che ha fatto e che, per sempre, darà fastidio al pubblico e alla critica. Von Trier persona non grata a Cannes per le sparate sui nazisti nel 2011, che ritorna fuori competizione (un purgatorio, per la storia di un viaggio all’inferno) nel 2018 e fa dire al suo alter ego, Jack, che il nazismo, il fascismo e tutte le dittature sono arte, i migliori produttori di icone. Insieme a Glenn Gould. Speculare e continuo a Nymph()maniac (soprattutto al volume 2). Bruno Ganz per Stellan Skarsgård come confessore, interlocutore, traghettatore. Un assassino seriale per una ninfomane: uno che vive per il dolore (degli altri e di se stesso) preposto al piacere sta al posto di una che per il piacere è disposta a sperimentare anche (e soprattutto) il dolore. Matt Dillon è un serial killer, ed è Dante (l’accappatoio rosso), che Virgilio (Verge, Virgi in italiano, anche un po’ la verga) deve condurre all’inferno (settore 7). Lui è il Male, come Joe era il Sesso. Lo pratica, ne parla. Compie azioni non grate: taglia seni, fa il tirassegno con i bambini, li ricompone (cadaveri) come pupazzi, prova a centrare tante teste con una sola pallottola, prende a colpi di crick una rompiscatole (Uma Thurman), soffoca in due riprese un’avida pensionata. Jack dice che il Male è un’estetica, come nel cinema di Von Trier. Con cui bisogna scendere a patti, e accettare che il suo proposito è sempre più infido e beffardo di quello enunciato: per Lars non si tratta di costruire un’estetica del male, ma un’estetica con il male, cioè geometrie raffinate di scrittura e immagini con contenuti abietti. Una casa perfetta non si costruisce con i mattoni, né con il legno, ma con i cadaveri. E la casa che Lars ha costruito è davvero bella, perché alcuni degli arredi funzionano proprio bene: visivamente, tra preziosismi di fotografia e di composizione dell’inquadratura, cambiamenti di formato, inserzioni di altri film e altre arti. Ma anche nel racconto, che ormai è sempre quello dell’operetta (a)morale (qui gli incidenti al posto dei capitoli), e che produce sana ansia di genere, con i buoni che non arrivano mai a salvare, a scoprire, a punire, a riconoscere gli omicidi. Eppure ogni progetto architettato e realizzato da Jack funziona perfettamente, come un piccolo trompe l’œil di gratuita cattiveria, una cineseria noir, un capitolo di una serie antologica tra Hitchcock e Joe Dante. Ma soprattutto è divertente: a partire dalla trasfigurazione di Matt Dillon in Jim Carrey fino alla goffa scalata delle pareti dell’inferno, con il Dante-peccatore che ha perso la guida e cerca una scorciatoia, e il ribaltamento grottesco di La zattera della Medusa di Géricault. Anche l’irrisione della Commedia non è iconoclasta, ma (più) semplicemente parodica. In La casa di Jack non c’è catarsi è non c’è tragedia, non è Salò o le 120 giornate di Sodoma. È una commedia. 

I 400 colpi

PA
5
PMB
7
FDM
7
SE
5
IF
7
RM
6
MM
6
EM
7
FM
8
RMO
7
EMO
4
GAN
7
LP
9
ES
7
GS
8
FT
5
media
6.6
La casa di Jack (2018)
Titolo originale: The House That Jack Built
Regia: Lars von Trier
Genere: Thriller/Horror - Produzione: Danimarca/Francia/Germania/Svezia/Belgio - Durata: 152'
Cast: Matt Dillon, Bruno Ganz, Uma Thurman, Siobhan Fallon Hogan, Sofie Gråbøl, Riley Keough, Jeremy Davies, Jack McKenzie, Ed Speleers, David Bailie
Distribuzione: Videa
Sceneggiatura: Lars von Trier
Musiche: Víctor Reyes
Montaggio: Jacob Secher Schulsinger, Molly Malene Stensgaard
Fotografia: Manuel Alberto Claro

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


La chiave di volta del male» Locandine (n° 12/2019)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy