La strada per le montagne di Micol Roubini - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 07/2021

La strada per le montagne


Regia di Micol Roubini

Una casa ritratta in una foto risalente al 1919. Jamna, un villaggio sperduto fra Ucraina e Polonia. A partire da pochissimi elementi, Roubini si mette sulle tracce del nonno emigrato in Italia nel 1957. Le persecuzioni naziste, la morte, e una storia da sottrarre alla rimozione. La sguardo della regista penetra nel tessuto del reale conquistandosi paradossalmente una posizione defilata. Come per vedere meglio. Le immagini sono spettrali nella loro nudità. Lo sguardo tenta di colmare la distanza temporale mettendo in relazione le parole e gli oggetti dell’oggi con i corpi portatori di memoria. Micol Roubini si conferma cineasta attenta e in crescita, animata da una tensione morale forte che non dimentica mai di farsi scelta di campo e immagine. Il suo film, un esorcismo del tempo e della memoria che si fa (possibilità di) racconto.

La strada per le montagne (2019)
Titolo originale: -
Regia: Micol Roubini
Genere: Documentario - Produzione: Italia/Ucraina/Francia - Durata: 84'
Distribuzione: Tënk
Montaggio: Micol Roubini, Davide Minotti
Fotografia: Davide Maldi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Micol Roubini» Interviste (n° 07/2021)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy