Las herederas di Marcelo Martinessi - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv B0/2018

Las herederas


Regia di Marcelo Martinessi

Paraguay. Chiqui e Chela. Una coppia di donne borghesi mature, costretta a separarsi momentaneamente per la condanna di una. E una casa bellissima, in via di smantellamento, per l’incombente miseria. Quando Chiqui entra in prigione, è lei a consolare Chela, non viceversa. Ma lontana da questo rapporto di cura subita, di inerte passività, Chela scopre che mentre svuota la casa di argento e mobilio, di quadri e cristalli, mentre la sua amorevole balia non c’è, può riempire se stessa. Col lavoro, lei che s’è sempre limitata a dipingere quadri. E con un possibile amore. Marcelo Martinessi segue col suo cinema di di realismo global (dietro cui si carica e s’annulla, si trattiene pudico il mélo) l’evolversi di un desiderio seniores, finendo per modulare con cura i rapporti di potere all’interno di un legame, in ogni senso.

I 400 colpi

IF
7
RM
5
EM
7
GAN
5
LP
7
GS
7
media
6.3
Las herederas (2018)
Titolo originale: Las herederas
Regia: Marcelo Martinessi
Genere: Drammatico - Produzione: Paraguay/Germania/Uruguay/Norvegia/Brasile/Francia - Durata: 95'
Cast: Ana Brun, Margarita Irun, Ana Ivanova, Nilda Gonzalez, María Martins, Alicia Guerra
Sceneggiatura: Marcelo Martinessi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy