Oasis Knebworth 1996 di Jake Scott - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 39/2021

Oasis Knebworth 1996


Regia di Jake Scott

«Eri lì per ascoltare quelle parole e non per postarle su Twitter». In una frase del doc, riferita ai testi dei fratelli Gallagher, tutta la nostalgia di un’epoca in cui assistere a un evento live significava abbandonarsi all’estasi del momento, senza distrazioni, selfie ed esibizionismi. Sulla vita pre internet Scott insiste con puntiglio neo luddista, servendosi di attori per mettere in scena i racconti di chi impazzì al telefono per assicurarsi un biglietto. Knebworth, 250 mila spettatori in due serate, rappresentò l’apice degli Oasis, nel pieno del loro splendore, e dell’incompiuto “rinascimento britannico” di metà anni 90, declinato in politica (Blair), musica (Britpop) e calcio (Euro ’96). Oggi che ne restano le ceneri e c’è la Brexit, risentire Live Forever è ancora più malinconico. Ma ne vale la pena.

Oasis Knebworth 1996 (2021)
Titolo originale: Oasis Knebworth 1996
Regia: Jake Scott
Genere: Documentario - Produzione: Gb - Durata: 110'
Distribuzione: Nexo Digital
Montaggio: Struan Clay
Fotografia: Murren Tullett

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy