Pino - Vita accidentale di un anarchico di Claudia Cipriani - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 10/2020

Pino - Vita accidentale di un anarchico


Regia di Claudia Cipriani

Va bene rifarsi allo spettacolo di Dario Fo, ma adoperare vita, al posto di morte, facendola seguire, come recita il titolo del testo teatrale, da accidentale sembra sminuire l’esistenza di Giuseppe Pinelli, diciottesima vittima della strage di Piazza Fontana, che non morì come le altre nell’esplosione alla Banca nazionale dell’agricoltura ma precipitando dal quarto piano della questura. Certamente le figlie di Pinelli, Claudia e Silvia, coinvolte dalla regista a raccontare la storia dal loro punto di vista, in quell’aggettivo non vedono un sinonimo di casuale, ma un modo diverso per dire “non abituale”: qualcuno che s’incontra raramente, questo è stato Pino e così deve essere ricordato. Un’operazione necessaria il cui valore, purtroppo, è sminuito da un impianto visivo trascurato e gravemente effettato.

Pino - Vita accidentale di un anarchico (2019)
Titolo originale: -
Regia: Claudia Cipriani
Genere: Documentario/Animazione - Produzione: Italia - Durata: 92'
Distribuzione: Ghiro Film
Sceneggiatura: Claudia Cipriani, Niccolò Volpati, Claudia Pinelli, Silvia Pinelli
Montaggio: Claudia Cipriani
Fotografia: Claudia Cipriani

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy