Synonymes di Nadav Lapid - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv B0/2019

Synonymes


Regia di Nadav Lapid

Sotto l’egida di Saïd Ben Saïd, abilissimo produttore di cinema d’autore (rara avis), il regista israeliano di Policeman e The Kindergarten Teacher gira in terra francese un’opera semi-autobiografica: dopo aver cercato il punto di crisi di un uomo di legge e di una figura educativa, racconta un’altra fuga di testa, quello di un giovane ebreo a Parigi, in esilio con per cancellare patria, famiglia, lingua, dogmi militari e para-militari. Finisce per trovarne ulteriori. Sinonimi, in terra straniera. Il percorso è lineare, lo sviluppo è liberissimo, folle, rapsodico, coerente con il senso dell’assurdo di tantissimo cinema israeliano (tutto basato sul fuori-luogo, da Eran Kolirin in giù) e, cortesia da ospite, con linguaggio nouvelle vague: frammentario, indisciplinato e concentrato sul gioco attoriale. Notevole.

I 400 colpi

GS
7
Synonymes (2019)
Titolo originale: Synonymes
Regia: Nadav Lapid
Genere: Drammatico - Produzione: Francia/Germania/Israele - Durata: 123'
Cast: Tom Mercier, Quentin Dolmaire, Louise Chevillotte, Jonathan Boudina, Djamel Lazaar, Gaël Raes, Chris Zastera

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


I migliori 10 film inediti dell'...» Servizi (n° 01/2020)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy