Tensione superficiale di Giovanni Aloi - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 07/2021

Tensione superficiale


Regia di Giovanni Aloi

L’esistenza precaria di Michela è segnata dalla instabile relazione col padre di suo figlio, un lavoro insoddisfacente, violenze morali e fisiche. Costretta dalle circostanze, varca il confine per prostituirsi in un ambito normativamente tutelato (scegliendosi un nome che è autodeterminazione rivendicata: Mia), solo per scoprirsi, nell’ipocrita comunità montana nella quale vive, oggetto di nuovi ricatti. Il debutto in lungo di Giovanni Aloi (nella sezione Orizzonti di Venezia 2020 con l’ottimo La troisième guerre), se patisce certe indecisioni dell’opera prima (un cast diseguale, un finale frettoloso e facilmente risolutivo), le compensa con l’asciuttezza della regia, la lucida definizione dei caratteri e la capacità di far intuire, senza dichiararli, motivi e umori sotterranei del racconto.

Tensione superficiale (2019)
Titolo originale: -
Regia: Giovanni Aloi
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Cristiana Dell'Anna, Francesca Sanapo, Benno Steinegger, Philipp Peter Heidegger, Katja Lechthaler, Hannes Perkmann, Katia Fellin, Celine Stampfer, Leo Seppi, Eva Kuen
Distribuzione: Ombre Rosse
, Distribuzione: No.Mad
Sceneggiatura: Giovanni Aloi, H. Schleef, Nicolò Galbiati

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy