The Story of My Wife di Ildiko Enyedi - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv C0/2021

The Story of My Wife


Regia di Ildiko Enyedi

Anni 20, Parigi, Amburgo, comunque Europa cosmopolita (in abiti da coproduzione europea). Capitano di lungo corso scommette con sodale filibustiere: «sposo la prima che entra nel ristorante». Botta di culo (forse): è Léa Seydoux (a Cannes anche con France, The French Dispatch, Tromperie, tutti ruoli che hanno a che fare con un’ideale di donna o di Francia). Da un romanzo di Milán Füst, la regista Orso d’oro Ildikó Enyedi propina un elegante polpettone su uno sguardo maschile per cui il femminile resta un enigma. La storia di mia moglie è quella del protagonista. Il teatro di fantasmi che scatena l’incontro con un’alterità: i due non si conoscono, sono fogli bianchi l’uno per l’altra, e il film (piattamente raffinato) si carica (molto, troppo lentamente) degli spettri proiettivi di lui, intento a riempire delle proprie fragilità le ellissi della storia di lei.

I 400 colpi

GS
6
The Story of My Wife (2022)
Titolo originale: The Story of My Wife
Regia: Ildiko Enyedi
Genere: Sentimentale - Produzione: Ungheria/Francia/Italia/Germania - Durata: 169'
Cast: Léa Seydoux, Louis Garrel, Luna Wedler, Jasmine Trinca, Romane Bohringer, Ulrich Matthes, Gijs Naber, Udo Samel, Sergio Rubini, Sandor Funtek, Simone Coppo, Josef Hader, Nayef Rashed, Ralph Berkin, Károly Hajduk, Vivien Rujder, Beniamino Brogi, Julia Dro
Sceneggiatura: Ildiko Enyedi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy