The World to Come di Mona Fastvold - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv V0/2020

The World to Come


Regia di Mona Fastvold

America 1856. Una fattoria, una coppia, una figlia morta. Nuovi vicini, e poi l’amore tra le due donne (donne, non madri) per via d'un colpo di fulmine che rilegge quello di Carol in chiave sommessa, come fosse in primis il riconoscimento di una condizione sociale comune. Nel genere consolidato della riscrittura dei generi (da leggere in doppio senso), un western antiepico (parente di First Cow) in guisa d’un realismo mesto ed elegante, ma soprattutto un film sul racconto, in cui la protagonista appunta eventi e sentimenti nel diario che struttura l’opera, mentre il marito compila il libro contabile: la scrittura femminile si fa poesia, poi scambio epistolare, ed è in questo momento, quando voce di donna risponde a voce di donna, che l’uomo la mette a tacere. Sull’uccisione di questo immaginario si è fondato un paese. Non il mondo che verrà.

I 400 colpi

GS
7
The World to Come (2020)
Titolo originale: The World to Come
Regia: Mona Fastvold
Genere: Drammatico - Produzione: Usa - Durata: 98'
Cast: Vanessa Kirby, Katherine Waterston, Casey Affleck, Christopher Abbott, Andreea Vasile, Ioachim Ciobanu, Karina Ziana Gherasim, James Longshore, Sandra Personnic-House
Sceneggiatura: Ron Hansen, Jim Shepard

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy