This Must Be the Place di Paolo Sorrentino - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 41/2011

This must be the place


Regia di Paolo Sorrentino

Sean Penn ti incontra e ti dice: facciamo un film insieme. È un po' come se a un allenatore Maradona avesse detto: voglio giocare per te. Ovvio che gli costruisci la squadra attorno, i tuoi schemi in fondo possono passare in secondo piano. Così fa Paolo Sorrentino, regista che ci ha abituato a una regia che è personaggio del film essa stessa. Qui fa un passo indietro: la sua mano, il suo sguardo, la sua ironia malinconica e solo apparentemente un po' nichilista ci sono, ma non si mostrano sfacciati come al solito. Il punto è che Ottavio Bianchi la squadra la faceva girare come un orologio proprio perché Diego segnasse e di fronte ai gol di Penn, si intuisce come il regista partenopeo gli serva gli assist al bacio e che, come Wenders a suo tempo, ha capito bene come esordire in America. This Must Be the Place, a tutti gli effetti, è una nuova opera prima di un cineasta che si trova di fronte alla sua sfida più complessa: conquistare un altro mondo, non solo cinematografico. Lo si capisce nella scrittura e nelle scelte: in questo on the road di (tras)formazione è il viaggio, più della struttura della storia, a contare. Il monologo/confessione a Byrne - a proposito, colonna sonora da urlo - è il più vicino a quello servilliano di L'uomo in più, la depressione disincantata della rockstar pentita è quella di un Titta Di Girolamo trasformato in Robert Smith. C'è tutto il cinema di Sorrentino e c'è altro, non è la sua opera migliore, ma forse la sua più matura e consapevole, quella che verrà amata e celebrata col tempo (come il Paris, Texas del citato Wenders, di cui qui ritroviamo Harry Dean Stanton). Allo stesso tempo non c'è la struttura circolare, vorticosa a cui il cineasta ci ha abituato: la centralità del personaggio attorno a cui tutto precipita o cambia, qui trova un percorso orizzontale, lineare, in cui luoghi, personaggi, storie vengono solo sfiorati, lasciandoti un paio di volte con l'amaro in bocca. Tornando alla metafora calcistica: Sorrentino fa finte, dribbling, colpi di tacco e rovesciate, ma segna solo al novantesimo con quel finale feroce che sembra una promessa/minaccia a chi Oltreoceano lo conoscerà con questo film. Non un capolavoro, ecco, ma una presentazione in grande stile.

This must be the place (2011)
Titolo originale: This Must Be the Place
Regia: Paolo Sorrentino
Genere: Drammatico - Produzione: Italia/Francia/Irlanda - Durata: 118'
Cast: Sean Penn, Eve Hewson, Frances McDormand, Judd Hirsch, Harry Dean Stanton, Heinz Lieven, Kerry Condon, Olwen Fouere, Simon Delaney, Joyce Van Patten, Liron Levo, David Byrne, Shea Whigham

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Com'è profondo il male» Lost Highway (n° 41/2011)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy