Tout s'est bien passé di François Ozon - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv C0/2021

Tout s'est bien passé


Regia di François Ozon

Colpito da un ictus, André chiede alla figlia di morire: con l'eutanasia (il tema!) si liquideranno un po' di questioni sospese. Ozon evidenzia le implicazioni etiche e legali della scelta, modula da par suo la drammaturgia su ellissi e rivelazioni, certo. Ma, partendo da un'opera autobiografica, evita il film dossier e tinge imprevedibilmente il dolore dei colori della commedia (scivolando addirittura nello slapstick), mostrando, dell'intricata vicenda familiare, anche il lato teneramente ridicolo. Persino quando sembra adombrare una complessità metaforica, il francese gioca un tiro allo spettatore (il sandwich col morso paterno, congelato, non diventa simbolo di nulla e gettato nel cestino poche scene dopo). Un film di acuti, progressivi spiazzamenti, con un Dussollier che invoca premi.

I 400 colpi

LP
8
Tout s'est bien passé (2021)
Titolo originale: Tout s'est bien passé
Regia: François Ozon
Genere: Drammatico - Produzione: Francia - Durata: 113'
Cast: Sophie Marceau, Charlotte Rampling, Hanna Schygulla, André Dussollier, Géraldine Pailhas, Grégory Gadebois, Jacques Nolot, Eric Caravaca, Alexia Chicot, Laëtitia Clément

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy