Un divano a Tunisi di Manele Labidi Labbé - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 40/2020

Un divano a Tunisi


Regia di Manele Labidi Labbé

Come molte commedie, Un divano a Tunisi fonda la sua premessa narrativa sulla figura ricorrente del “pesce fuor d’acqua”, e su una falsa credenza tutta da sfatare: nello specifico, quella per cui la psicanalisi - diligentemente praticata da Selma, nata in Tunisia, cresciuta in Francia e poi coraggiosamente tornata in patria - non possa attecchire al di là del Mediterraneo. A dispetto della generale diffidenza e delle resistenze burocratiche, l’opera prima di Manele Labidi grida a gran voce il contrario: la borghesia parigina non è più nevrotica di quella di Tunisi, che sfila sul lettino di Selma facendo bella mostra del più consueto assortimento di questioni freudiane. Ma il risultato non è, nemmeno negli intenti, una radiografia di quella società, pur afflitta dagli scossoni identitari dell’onda lunga della primavera araba: l’Islam - benché raffigurato, per antonomasia, da un imam confuso - resta programmaticamente estraneo alle dinamiche individuali e collettive; le disfunzionalità dell’apparato statale sono soprattutto materia per gag esilaranti; le tematiche LGBTQ si annacquano e si risolvono in un’utopia conciliativa che ha poco a che fare con la realtà. Più che descrivere si esorcizza, ma va bene così: perché il nodo centrale del racconto non è il divano ma il suo controcampo, non è la società tunisina ma l’emigrato che vi fa ritorno. È chi vive la condizione ora buffa ora tragica di essere chiamato francese dai tunisini e tunisino dai francesi, dello scoprirsi apolidi, del tornare in patria con la lingua e i saperi del colonizzatore, dell’incarnare la frattura tra due mondi. E del saperci ridere su.

I 400 colpi

MC
7
MSC
7
AC
7
ADG
6
FM
4
RMO
7
GAN
5
RS
8
media
6.4
Un divano a Tunisi (2019)
Titolo originale: Un divan à Tunis
Regia: Manele Labidi Labbé
Genere: Commedia drammatica - Produzione: Francia - Durata: 116'
Cast: Golshifteh Farahani, Majd Mastoura, Aïsha Ben Miled, Feryel Chammari
Distribuzione: Bim
Sceneggiatura: Manele Labidi Labbé

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy