Zack Snyder's Justice League di Zack Snyder - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 12/2021

Zack Snyder's Justice League


Regia di Zack Snyder

Senza voler tornare su genesi e motivazioni (vedi n. 11/2021), sconcerta un po’ che molti vedano nell’affaire (cioè nella sua attivazione dal basso del fandom) chissà quale precedente, preconizzando sollevazioni internazional-popolari per qualunque altra opera rimaneggiata (sai che novità) da uno studio. Boh. Un precedente, ancora supereroico DC e per la medesima major, c’è già: nel 2006, Richard Donner convinse Warner a rimontare Superman II (1980) utilizzando il suo girato in parte finito nel sequel affidato a Richard Lester. L’eco però fu minima; e il Richard Donner Cut (migliore e più breve di 11’…) finì tra gli extra di un dvd dell’originale. Oggi, l’operazione è volta a trasformare una ciofeca inguardabile in ciofeca guardabile (o tempora); epperò Zack Snyder’s Justice League è già uno degli eventi del 2021 mediatico (etimologicamente: «imposto e favorito dalla cultura dei mass media», che poi del film in sé freghi qualcosa a qualcuno è altra questione). Verrebbe voglia di chiudere qui, aggiungendo che se Donner era un regista onesto e il suo take un atto più o meno dovuto, Snyder è un mitomane ipocrita e la sua versione di quattro ore (!!!) un capriccio sconsiderato che merita un’attenzione inversamente proporzionale al clamore che l’accompagna. Mai come in questo caso occorre però pur sempre affrontare il film (posto che ancora di film si tratti e non di una miniserie da binge watching: e infatti è ora suddiviso in sei capitoli più un epilogo, ché come tale lo si voleva far uscire). E scegliere come. Non siamo tra quelli (poveretti) che riconoscono a Snyder uno status d’Autore, quindi le teorie sulla manipolabilità infinita dell’Opera d’Arte o i paralleli con l’eterna revisione lucasiana della saga di Star Wars stanno a zero; ma nemmeno tra quelli che passano al setaccio ogni fotogramma per stabilire cosa è stato aggiunto o tolto, quali effetti speciali sono migliorati, o quelli che gioiscono per la reintegrazione di temi (presunti) “alti” (la responsabilità del supereroe o la natura sempre più messianica dell’Uomo d’acciaio) sacrificati alla “popcornità” imposta a Whedon. Semplicemente, siamo quelli che si chiedono: è un altro film? La risposta è sì. Ma è bello? No. Gli eventi (idioti) sono i medesimi della volta scorsa (Batman e Wonder Woman in team con Flash, Cyborg, Aquaman e il resuscitato Superman per impedire a Steppenwolf, emissario del dio Darkseid - ovvero il prodromo DC del Thanos Marvel - di distruggere la Terra con tre scatole), ma pur dilatati e montati con scansioni temporali differenti sono parimenti mosci: solo che ora la costruzione epica (zzz) dei personaggi predomina sull’azione (bleah) e tutto resta impari rispetto alle velleità o alle aspettative. Snyder non ha una visione, ha solo un po’ più di stile di Whedon: si autocita (300, ma anche Watchmen), incupisce i toni (più con la color correction che con l’estro), ricerca nella dilatazione dei tempi una ieraticità che genera noia (ops, l’ho detto). Poco altro. E l’epilogo consiste di 20’ di scene che sarebbero state post-crediti (con sorprese) che ora vengono prima dei crediti. Hallelujah.

I 400 colpi

AB
5
SE
9
AF
3
FM
4
RMO
5
GAN
5
media
5.2
Zack Snyder's Justice League (2017/2021)
Titolo originale: Zack Snyder's Justice League
Regia: Zack Snyder
Genere: Supereroico - Produzione: Usa - Durata: 242'
Cast: Henry Cavill, Ben Affleck, Gal Gadot, Jason Momoa, Ezra Miller, Amy Adams, Ray Fisher, Willem Dafoe, Jesse Eisenberg, Jeremy Irons
Sceneggiatura: Chris Terrio, Zack Snyder

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy