Zen - Sul ghiaccio sottile di Margherita Ferri - la recensione di FilmTv

Recensione pubblicata su FilmTv 45/2018

Zen - Sul ghiaccio sottile


Regia di Margherita Ferri

Maia Zenasi detta Zen è l’unica ragazza della squadra di hockey, ma fuori dal campo è uno contro tutti: i bulli la chiamano «lesbica», Zen vorrebbe uno spogliatoio solo per sé, né per maschi né per femmine, e per tutta risposta si trincera nella rabbia. Il suo anticonformismo attira Vanessa, la bella del liceo rimasta scottata dal tentativo di adeguarsi alle aspettative altrui, e per 48 ore le due provano a ignorare il mondo e le etichette. Esordio a bassissimo budget, quello di Margherita Ferri è un coming of age pieno di energia, acerbo quanto le sue protagoniste, con un bello sguardo sul percorso identitario di Zen e qualche ingenuità metaforica (l’insistito innesto dei ghiacciai pronti a collassare). Ma col pregio di non cercare né il lieto fine né il dramma “punitivo”: quella di Zen è una sfida aperta.

I 400 colpi

IF
6
RMO
6
media
6.0
Zen - Sul ghiaccio sottile (2018)
Titolo originale: -
Regia: Margherita Ferri
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Eleonora Conti, Susanna Acchiardi, Fabrizia Sacchi, Edoardo Lomazzi, Ruben Nativi, Alexandra Gaspar, Maurizio Stefanelli
Distribuzione: Istituto Luce/Cinecittà
Sceneggiatura: Margherita Ferri

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Margherita Ferri» Interviste (n° 45/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy