Il domani peggiore

Dieci titoli distopici per riconsiderare il futuro


1

2000: la fine dell'uomo (1970)

di Cornel Wilde

Scoperto da poco, snobbato dalla critica dell'epoca perché considerato un po' di destra (la violenza, per sopravvivere, è giustificata con un certo cinismo, un po' alla Cane di paglia), è invece l'interessante prototipo della fantascienza britannica, difatti ispirò il capolavoro della BBC I sopravvissuti (1975). In epoca vicina/lontana scompaiono i beni di prima necessità, e una famiglia di Londra scappa verso la Scozia, mentre si agitano a bordo campo predatori d'ogni sorta. Da rivalutare.

Mauro Gervasini

2000: La fine dell'uomo (1970)
Titolo originale: No Blade of Grass
Regia: Cornel Wilde
Genere: Fantascienza - Produzione: Gran Bretagna - Durata: 97'
Cast: Nigel Davenport, Jean Wallace, Patrick Holt

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy