#ICancelliDelCielo #5

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Dario Stefanoni dice che Il vendicatore è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
9282
servizi
3749
cineteca
3176
opinionisti
2186
locandine
1087
serialminds
999
scanners
512

News


12 Febbraio 2017

#ICancelliDelCielo #5

L'incontrovertibile e l'opinabile nelle critiche a La La Land. Ad esempio: la sgangheratezza di alcune scene è facilmente dimostrabile, dal finto piano sequenza iniziale alla poca fluidità d'ingresso nelle situazioni musicali, vedi la coreografia delle girls stile Grease o l'audizione. Credo si tratti di una sgangheratezza voluta. Quella di Damien Chazelle è un'operazione di cinema-nostalgia simile a quelle di Peter Bogdanovich (tipo: La La Land sta al musical come Ma papà ti manda sola? alla screwball comedy), per forza imperfetta perché la bellezza assoluta degli originali non si può replicare, casomai metabolizzare cercando una grazia nuova, al passo coi tempi. Credo di poter ben argomentare questa mia convinzione ma sì, certo, è comunque una lettura opinabile. Purtroppo intorno a La La Land si sono scatenate una serie di critiche che non sono né incontrovertibili né semplicemente opinabili, quanto, semmai, demenziali. Se avete un minimo di dimestichezza con l'inglese, qui ne trovate un catalogo. Si va dalla più ridicola (il gruppo gay che critica Chazelle perché non c'è neanche un personaggio omosessuale) alla più complessa, relativa al jazz e alla sua narrazione. Improvvisamente tutti esperti di jazz, anche in Italia, e soprattutto di questioni legate alla purezza, allo sbilanciamento ideologico del musicista bianco che difende le radici contro il collega nero (John Legend, per la cronaca) che le vorrebbe recidere per il dinero. Imputare a La La Land lo stesso suprematismo bianco che agita gli attuali occupanti della Casa Bianca mi pare un'assurda forzatura, conseguenza di un pensiero debolissimo sul film. Della serie: non so come criticarlo quindi mi attacco alla prima polemica “politica” buona per i social network. Se invece vogliamo affrontare una seria discussione sul ruolo del jazz oggi, sulla sua eredità e soprattutto sul suo racconto, eccoci prontissimi. Non è però l'intento del film, realizzato da un regista che è prima di tutto un musicista jazz e sulla cui presunta malafede l'onere della prova dovrebbe essere di chi gli muove le accuse, non di chi lo apprezza rifiutando queste pippe mentali.  

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Schermo familiare #018

14 Luglio 2020

Attività cinematografiche da svolgere volentieri in famiglia: ricordare la magia creata dalla coppia Sergio Leone/Ennio Morricone (e le parodie lampo che ne cavalcavano il...

Serie che vogliono crederci

10 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #054

Nella stessa settimana che segna, su Prime, il ritorno di un grande classico come X-Files, c'è anche spazio per due novità di...

Schermo familiare #017

7 Luglio 2020

Il divano comincia a farsi incandescente, ma rimane comunque il posto più sicuro su cui consumare i nostri film. Questa settimana un breve viaggio nella storia d'Italia, a...

Delle serie e delle suore

3 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #053

Settimana di serie nuove (Warrior Nun, Il club delle babysitter), vecchie (Glee e Mad Men sono...

Schermo familiare #016

30 Giugno 2020

Una settimana variegata di famiglie sui generis (Senza lasciare traccia) o divelte dalla crudeltà umana (12 anni schiavo, Old Boy) che finiscono...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy