#ICancelliDelCielo #6

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che '71 è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiStoria alle ore 21:10.

Il cast dei sequel di Avatar cresce (ve ne parliamo nella prossima newsletter, nella vostra casella di posta sabato 18 maggio). Per l'occasione vi riproponiamo un confronto critico pubblicato all'epoca dell'uscita del primo film.

Il calciomercato delle piattaforme streaming e dei canali a pagamento, dai destini sempre più intrecciati. Un'analisi di Andrea Bellavita.

Lo scorso 9 maggio è morto a Seattle lo sceneggiatore Alvin Sargent, fra gli sceneggiatori più eclettici e di maggior successo nelle ultime cinque decadi di Hollywood. Suo è Paper Moon , che gli valse la prima nomination agli Oscar. Vi riproponiamo la locandina di Gianni Amelio.

Il 24 maggio arriva su Netflix una nuova serie spagnola che si chiama Alto mare (ve la segnaliamo brevemente nel numero di questa settimana). Avrà il successo di La casa di carta ?

«O dio mio, aprimi le porte della notte». In memoria di Jean-Claude Brisseau (1944-2019) ripubblichiamo la recensione del film che gli valse il Pardo d'oro a Locarno.

La citazione

«Povero pensiero... finisce sempre per sfracellarsi contro il muro dei fatti. (Lev Troskij)»

scelta da
Adriano Aiello

cinerama
8638
servizi
3084
cineteca
2807
opinionisti
1901
locandine
1027
serialminds
816
scanners
488

News


19 Febbraio 2017

#ICancelliDelCielo #6

Del mio grado di conoscenza della lingua inglese non frega giustamente niente a nessuno. Ne parlo solo per cercare di coinvolgervi in una riflessione ardita. Diciamo che secondo gli standard dell’Università di Cambridge sono a un livello superiore al First Certificate e inferiore al Proficiency. Insomma: me la cavo. Come applicare questa conoscenza alla visione dei film in lingua originale (senza sottotitoli: come selezionatore di festival mi capita spesso)? Mi accorgo di quanto l’esperienza sia tutt’altro che omogenea. Per esempio: se vedo un film canadese o statunitense che non sia di Spike Lee o texano, arrivo a comprendere l’80% dei dialoghi. Viceversa ne vedo uno ambientato a Birmingham e si scende drammaticamente sotto il 50%. Chiedo lumi al mio vecchio insegnante originario del Suffolk, il quale mi dice, testualmente: «Negli Stati Uniti le “declinazioni” dell’inglese sono circa dieci, nel Regno Unito ottanta. Per sentire un inglese “puro” bisogna andare nel New England americano più che a Londra». Per non parlare della Scozia o dell’Irlanda, o dell’Australia (film australiani comprensibilità anche intorno al 30%). Ricordo quando nel 2002, a Cannes, Ken Loach presentò Sweet Sixteen (scozzese): un giornalista inglese chiese in conferenza stampa se il film sarebbe uscito in Gran Bretagna con i sottotitoli, e gli attori si arrabbiarono moltissimo. La  visione delle serie mi suggerisce un’altra riflessione ancora. Peaky Blinders (britannica) è molto più difficile da comprendere di Westworld (americana), ma mi accorgo di una cosa. La prima ha una trama assolutamente lineare e accessibile, la seconda è (per me) inutilmente complicata. Solo che proprio Westworld abbonda di “spiegoni” verbali che hanno la funzione di riassumere ogni tot gli eventi e rassicurare gli spettatori a rischio confusione. Quindi: in Peaky Blinders la lingua di una storia tutto sommato semplice abbonda di accenti, dialetti, espressioni verbali intraducibili; in Westworld a una storia molto intricata si accompagna una lingua neutra, sempre comprensibile. Forse è la “sindrome Matrix”. Il geniale produttore di quel film, Joel Silver, si diceva stupito del successo in Usa, dato che «il pubblico americano non riesce a restare concentrato per più di cinque minuti, e quella di Matrix è una storia complicata» ma a ben guardare il furbacchione aveva imposto ai due registi, Larry e Andy Wachowski, un sacco di “spiegoni”. E guarda caso tutti con un linguaggio che capirebbe anche un bambino di dieci anni (o giù di lì). Non so se ci sia una morale anche politica di tutto questo ragionamento, ma pensando a Philip Roth che accusa Donald Trump di usare sempre solo 77 parole, mi verrebbe da pensare di sì. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #127

17 Maggio 2019

Il primo Batman vampiro magico
Con Ben Affleck preso da molti altri problemi, non ultimo allontanarsi il più possibile dal disastro aereo che è finora stato l'universo...

Addio e grazie per tutte le news #126

16 Maggio 2019

Santo Guglielmo da Evanston
Praticamente tutte le testate internazionali che hanno battuto questa notizia, direttamente dal Festival di Cannes dove il gran visir in...

Addio e grazie per tutte le news #125

15 Maggio 2019

Le spade laser avrebbero fatto comodo contro gli zombie di ghiaccio
Viene fuori che David Benioff e D.B. Weiss se lo possono scordare il...

Addio e grazie per tutte le news #124

14 Maggio 2019

Addio a Doris Day  
Doris Day
è scomparsa ieri a 97 anni. Troppo presto, a dispetto della...

Addio e grazie per tutte le news #123

10 Maggio 2019

Il positivo venerdì di László Nemes
Può anche non accettarne la filosofia o il messaggio più o meno voluto che stanno veicolando, caro László Nemes, dal...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy