#ICancelliDelCielo #6

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che La prigioniera è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 01:20.

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Non è più possibile parlare d'arte escludendo la scienza e la tecnologia. Non è più possibile analizzare i fenomeni fisici escludendo le realtà metafisiche. (Gene Youngblood)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8060
cineteca
2856
servizi
2645
opinionisti
1687
locandine
988
serialminds
729
scanners
469

News


19 Febbraio 2017

#ICancelliDelCielo #6

Del mio grado di conoscenza della lingua inglese non frega giustamente niente a nessuno. Ne parlo solo per cercare di coinvolgervi in una riflessione ardita. Diciamo che secondo gli standard dell’Università di Cambridge sono a un livello superiore al First Certificate e inferiore al Proficiency. Insomma: me la cavo. Come applicare questa conoscenza alla visione dei film in lingua originale (senza sottotitoli: come selezionatore di festival mi capita spesso)? Mi accorgo di quanto l’esperienza sia tutt’altro che omogenea. Per esempio: se vedo un film canadese o statunitense che non sia di Spike Lee o texano, arrivo a comprendere l’80% dei dialoghi. Viceversa ne vedo uno ambientato a Birmingham e si scende drammaticamente sotto il 50%. Chiedo lumi al mio vecchio insegnante originario del Suffolk, il quale mi dice, testualmente: «Negli Stati Uniti le “declinazioni” dell’inglese sono circa dieci, nel Regno Unito ottanta. Per sentire un inglese “puro” bisogna andare nel New England americano più che a Londra». Per non parlare della Scozia o dell’Irlanda, o dell’Australia (film australiani comprensibilità anche intorno al 30%). Ricordo quando nel 2002, a Cannes, Ken Loach presentò Sweet Sixteen (scozzese): un giornalista inglese chiese in conferenza stampa se il film sarebbe uscito in Gran Bretagna con i sottotitoli, e gli attori si arrabbiarono moltissimo. La  visione delle serie mi suggerisce un’altra riflessione ancora. Peaky Blinders (britannica) è molto più difficile da comprendere di Westworld (americana), ma mi accorgo di una cosa. La prima ha una trama assolutamente lineare e accessibile, la seconda è (per me) inutilmente complicata. Solo che proprio Westworld abbonda di “spiegoni” verbali che hanno la funzione di riassumere ogni tot gli eventi e rassicurare gli spettatori a rischio confusione. Quindi: in Peaky Blinders la lingua di una storia tutto sommato semplice abbonda di accenti, dialetti, espressioni verbali intraducibili; in Westworld a una storia molto intricata si accompagna una lingua neutra, sempre comprensibile. Forse è la “sindrome Matrix”. Il geniale produttore di quel film, Joel Silver, si diceva stupito del successo in Usa, dato che «il pubblico americano non riesce a restare concentrato per più di cinque minuti, e quella di Matrix è una storia complicata» ma a ben guardare il furbacchione aveva imposto ai due registi, Larry e Andy Wachowski, un sacco di “spiegoni”. E guarda caso tutti con un linguaggio che capirebbe anche un bambino di dieci anni (o giù di lì). Non so se ci sia una morale anche politica di tutto questo ragionamento, ma pensando a Philip Roth che accusa Donald Trump di usare sempre solo 77 parole, mi verrebbe da pensare di sì. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


The White Crow di Ralph Fiennes trova distribuzione

14 Agosto 2018

Ralph Fiennes  due nomination agli Oscar, come Miglior attore protagonista per il Il paziente inglese e come non protagonista per Schindler's List...

Oliver Stone e Benicio Del Toro di nuovo insieme per White Lies

14 Agosto 2018

Oliver Stone, reduce dalle fatiche di Snowden (2016) e vicino al suo 72esimo compleanno, è pronto per tornare sul set. Il suo prossimo progetto è un dramma, che lui...

Si è completato il cast della versione live-action di Mulan

14 Agosto 2018

Sono stati annunciati gli ultimi due innesti per il cast, tutto orientale, del remake in live-action di Mulan, 36esimo classico del canone Disney realizzato nel 1998. Si...

Si intensifica il lavoro di restauro da parte del Centro Sperimentale di Cinematografia

13 Agosto 2018

L'ultimo titolo restaurato, in ordine di tempo, è stato presentato qualche giorno fa con una proiezione nella Piazza Grande di Locarno. Si tratta di Good Morning Babilonia...

Hilary Swank sarà la protagonista del thriller noir Fatale

13 Agosto 2018

Dopo l'abbuffata di inizio nuovo millennio – quando è stata contesa, nel giro di una manciata d'anni, da registi del calibro di Sam Raimi (The Gift), Clint Eastwood, Christopher Nolan (...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy