#ICancelliDelCielo #6

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che L'aquila solitaria è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2802
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473

News


19 Febbraio 2017

#ICancelliDelCielo #6

Del mio grado di conoscenza della lingua inglese non frega giustamente niente a nessuno. Ne parlo solo per cercare di coinvolgervi in una riflessione ardita. Diciamo che secondo gli standard dell’Università di Cambridge sono a un livello superiore al First Certificate e inferiore al Proficiency. Insomma: me la cavo. Come applicare questa conoscenza alla visione dei film in lingua originale (senza sottotitoli: come selezionatore di festival mi capita spesso)? Mi accorgo di quanto l’esperienza sia tutt’altro che omogenea. Per esempio: se vedo un film canadese o statunitense che non sia di Spike Lee o texano, arrivo a comprendere l’80% dei dialoghi. Viceversa ne vedo uno ambientato a Birmingham e si scende drammaticamente sotto il 50%. Chiedo lumi al mio vecchio insegnante originario del Suffolk, il quale mi dice, testualmente: «Negli Stati Uniti le “declinazioni” dell’inglese sono circa dieci, nel Regno Unito ottanta. Per sentire un inglese “puro” bisogna andare nel New England americano più che a Londra». Per non parlare della Scozia o dell’Irlanda, o dell’Australia (film australiani comprensibilità anche intorno al 30%). Ricordo quando nel 2002, a Cannes, Ken Loach presentò Sweet Sixteen (scozzese): un giornalista inglese chiese in conferenza stampa se il film sarebbe uscito in Gran Bretagna con i sottotitoli, e gli attori si arrabbiarono moltissimo. La  visione delle serie mi suggerisce un’altra riflessione ancora. Peaky Blinders (britannica) è molto più difficile da comprendere di Westworld (americana), ma mi accorgo di una cosa. La prima ha una trama assolutamente lineare e accessibile, la seconda è (per me) inutilmente complicata. Solo che proprio Westworld abbonda di “spiegoni” verbali che hanno la funzione di riassumere ogni tot gli eventi e rassicurare gli spettatori a rischio confusione. Quindi: in Peaky Blinders la lingua di una storia tutto sommato semplice abbonda di accenti, dialetti, espressioni verbali intraducibili; in Westworld a una storia molto intricata si accompagna una lingua neutra, sempre comprensibile. Forse è la “sindrome Matrix”. Il geniale produttore di quel film, Joel Silver, si diceva stupito del successo in Usa, dato che «il pubblico americano non riesce a restare concentrato per più di cinque minuti, e quella di Matrix è una storia complicata» ma a ben guardare il furbacchione aveva imposto ai due registi, Larry e Andy Wachowski, un sacco di “spiegoni”. E guarda caso tutti con un linguaggio che capirebbe anche un bambino di dieci anni (o giù di lì). Non so se ci sia una morale anche politica di tutto questo ragionamento, ma pensando a Philip Roth che accusa Donald Trump di usare sempre solo 77 parole, mi verrebbe da pensare di sì. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #004

23 Ottobre 2018

Jonah Hill afferma di essere quasi stato scritturato per The Social Network, Fincher non conferma né smentisce
Di più,...

Guillermo del Toro riuscirà finalmente a realizzare il suo Pinocchio

23 Ottobre 2018

Del suo progetto su Pinocchio ne parlava, Guillermo del Toro, giusto lo scorso anno alla Mostra del cinema di Venezia, poco...

Addio e grazie per tutte le news #003

22 Ottobre 2018

Chiudono Il Cinemino, e anche io non mi sento tanto bene
Sul serio? Davvero? Prima di tutto: cos'è Il Cinemino. Ho chiesto aiuto a un'amica che mi ha...

Anche Edward Zwick firma con Netflix

22 Ottobre 2018

Chi sono i due liocorni che mancano all'appello di Netflix? Sembra davvero non mancare più nessuno, visto che il colosso dello streaming negli ultimi anni è riuscito anche nell'...

Addio e grazie per tutte le news #002

19 Ottobre 2018

Judi Dench realizza il sogno di rendere il suo sguardo ancora più giudicante
Già di suo Judi Dench è in possesso di uno sguardo che, volontariamente o meno...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy