#ICancelliDelCielo #7

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Dario Stefanoni dice che Il vendicatore è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Non è più possibile parlare d'arte escludendo la scienza e la tecnologia. Non è più possibile analizzare i fenomeni fisici escludendo le realtà metafisiche. (Gene Youngblood)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
9282
servizi
3749
cineteca
3176
opinionisti
2186
locandine
1087
serialminds
999
scanners
512

News


26 Febbraio 2017

#ICancelliDelCielo #7

I David di Donatello sono i premi “ufficiali” del cinema italiano. I nostri Oscar, i nostri César. C'è stato un tempo nel quale godevano di un certo riconoscimento anche all'estero, specie negli anni 60, ma era proprio la nostra industria cinematografica a essere diversa, più gloriosa. Poi un lungo cono d'ombra, fino a una decina d'anni fa quando il “patron” della manifestazione Gian Luigi Rondi ne gestì un relativo rilancio. Veniamo a oggi. I David 2017 saranno consegnati il 27 marzo, le candidature sono sul sito www.daviddidonatello.it così come l'elenco infinito dei votanti che comprende le maestranze tutte (o quasi) del settore oltre a una giunta di 32 persone e ai premiati/candidati. Un sistema in passato criticato: che centinaia di persone vedano tutti i film in gioco è naturalmente possibile ma francamente improbabile, e in ogni caso vai a saperlo.

Anyway. Vogliamo qui parlare di una categoria particolare, l'unica già premiata. I cortometraggi, che come sapete stanno molto a cuore a Film Tv. Specie quelli italiani. Ma cosa fa la nazionalità di un film? La produzione, di solito. Tant'è che Elle di Paul Verhoeven è considerato francese (ad esempio dall'Academy di Los Angeles per le nomination agli Oscar) perché prodotto dal prode Saïd Ben Saïd. Per i David invece sarebbe un film olandese perché realizzato da un tizio di Amsterdam. L'articolo 1 del regolamento dei David recita infatti che «si intende per nazionalità italiana: realizzato da un autore italiano o con la cittadinanza italiana». Cosa succede se uno dei migliori registi di cortometraggi italiani è iraniano? Esattamente quello che è successo quest'anno: resta ingiustamente escluso da nomination e premi.

Ali Asgari è autore di punta della Kino Produzioni di Roma. Nel 2014 il suo corto La bambina è stato in concorso Orizzonti alla Mostra di Venezia; l'anno scorso Il silenzio (notare i titoli “internazionali” non esattamente in farsi) al Festival di Cannes. Il primo, durata 16 minuti, non era eleggibile per il David perché il regolamento prevede un'asticella bassa (troppo bassa, secondo me), massimo 15 minuti. Il silenzio, diretto con Farnoosh Samadi, era perfetto ma è stato escluso perché appunto i registi sono iraniani, nonostante il produttore del film (giustamente arrabbiatino) sia Giovanni Pompili, italiano. Il silenzio è molto bello, avrebbe meritato non solo di giocarsela, la nomination, ma penso proprio anche di riceverla (ne ho visti 3 su 5 dei nominati compreso il vincitore, A casa mia di Mario Piredda). Guardatelo Il silenzio al link qua sotto (è visibile fino a domenica 5 marzo), e giudicate voi.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Schermo familiare #018

14 Luglio 2020

Attività cinematografiche da svolgere volentieri in famiglia: ricordare la magia creata dalla coppia Sergio Leone/Ennio Morricone (e le parodie lampo che ne cavalcavano il...

Serie che vogliono crederci

10 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #054

Nella stessa settimana che segna, su Prime, il ritorno di un grande classico come X-Files, c'è anche spazio per due novità di...

Schermo familiare #017

7 Luglio 2020

Il divano comincia a farsi incandescente, ma rimane comunque il posto più sicuro su cui consumare i nostri film. Questa settimana un breve viaggio nella storia d'Italia, a...

Delle serie e delle suore

3 Luglio 2020

Fuori(le)Serie #053

Settimana di serie nuove (Warrior Nun, Il club delle babysitter), vecchie (Glee e Mad Men sono...

Schermo familiare #016

30 Giugno 2020

Una settimana variegata di famiglie sui generis (Senza lasciare traccia) o divelte dalla crudeltà umana (12 anni schiavo, Old Boy) che finiscono...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy