Intervista a Mahershala Ali

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che 2 marines e 1 generale è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 09:15.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8277
servizi
2826
cineteca
2658
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477

News


27 Febbraio 2017

Intervista a Mahershala Ali

Californiano, figlio di un ballerino di Broadway, Mahershala Ali ha bazzicato più tv (Luke Cage, House of Cards) che cinema. Ora, con Moonlight (ma è anche nel cast di Il diritto di contare​), ha attirato l’attenzione dell’Academy, che lo ha candidato come miglior attore non protagonista per il ruolo di Juan, donando all’interprete la visibilità necessaria per far sentire la propria voce sul problema della discriminazione razziale a Hollywood.

D. - Come si è avvicinato al suo personaggio in Moonlight
R. - Il fatto che dietro al progetto ci fosse Barry Jenkins​, di cui avevo apprezzato molto Medicine for Melancholy​, mi ha attirato. Ho studiato la figura di Juan e mi ha colpito quanto mi fosse familiare. È uno spacciatore ma, come coloro che abitavano il mio quartiere quando avevo l’età del protagonista, Chiron, è una persona come le altre, con una famiglia che ama, con cui potresti fare due chiacchiere.

D. - Perché è così importante nella vita di Chiron e nel film? 
R. - Juan sa esattamente chi è e questo non lo rende felice; non condurrebbe mai il ragazzo sulle sue orme, però lo supporta, lo ama, gli dà forza. Per questo era importante che a un certo punto sparisse: per mettere in evidenza quanto Chiron si sentisse perso senza una guida.

D. - Lei ha recitato in Luke Cage​, serie su un supereroe nero: le cose stanno migliorando per le minoranze a Hollywood? 
R. - Lavoro da 16 anni in tv e nel cinema, e di solito sono l’unico nero sul set. Se non ti capita una storia come quella di Luke Cage, ambientata ad Harlem, finisci nella solita produzione di bianchi con il protagonista bianco. La tv è più avanti, grazie ad autori come Cheo Hodari Coker​ e Donald Glover​ che raccontano di noi. È assurdo che il cinema non rifletta la società contemporanea, che è mista: bisogna smettere di fare film dove si parla di bianchi o di neri, e cominciare a parlare delle persone in quanto tali.

D. - Perché sembra sia così difficile?
R. - Chi produce ritiene che se non fai parte di una comunità non puoi capirla. Ma non è così: per esempio, uno dei miei film preferiti, Il profeta, è francese, eppure sono un americano cresciuto in California. E una delle mie serie predilette è Peaky Blinders​, i cui personaggi non hanno nulla in comune con me. Non conosco tutto di quella realtà culturale, ma li comprendo perché ciò che li spinge è universale: capisco quando amano, quando odiano, quando tramano. Ed è sufficiente.

[ Lorenza Negri​, su FilmTv n° 07 / 2017 ]

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Da Kurt Kren al rock sovietico del Beltrade. Seconda giornata di FilmmakerFest 2018

17 Novembre 2018

I titoli selezionati, recentemente restaurati dal Filmmuseum di Vienna, vanno a formare una collana incompleta ma esaustiva per ca(r)pire la vera essenza di Kren, definito un «punk strutturale...

Monrovia, Indiana apre FilmmakerFest 2018

16 Novembre 2018

FilmmakerFest, Festival Internazionale del Cinema Documentario e Sperimentale nato a Milano nel 1980, continua a impegnarsi nel far risaltare sempre più la condizione politica e sociale...

Addio e grazie per tutte le news #021

16 Novembre 2018

Con un po' di orgoglio e forza di volontà, riusciamo sempre a farci riconoscere
A essere sincero, non avevo la minima idea che in questo governo esistesse un ministro della...

FilmmakerFest 2018 - Programma generale

16 Novembre 2018

Programma FilmmakerFest 2018


(16-24 novembre, Spazio Oberdan e Arcobaleno Film Center)

Concorso internazionale e apertura: da Frederick Wiseman a Ruth Beckermann;...

Addio e grazie per tutte le news #020

15 Novembre 2018

Netflix ci tiene agli utenti che non ci tengono alle loro diottrie
La notizia potenzialmente più buffa della giornata – Netflix sta testando su alcuni...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy